L’Ue all’Italia: continui con le misure di eradicazione della Xylella

Il commissario alla Salute Andriukaitis ha incontrato il ministro dell'Agricoltura Centinaio e si è impegnato a visitare la Puglia prima della fine dell'anno

Foto Ansa

L'Italia deve continuare ad applicare le misure di eradicazione della xyella fastidiosa in Puglia, e per assicurarsi che questo avvenga il commissario europeo per la Salute e la Sicurezza alimentare, Vytenis Andriukaitis, verra’ nella regione prima della fine dell'anno. Andriukaitis ha incontrato il ministro dell'Agricoltura, Gian Marco Centinaio, a margine della visita del commissario al Salone del Gusto di Torino, prendendo questo impegno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Discussione "costruttiva"

La discussione "è stata molto costruttiva e il ministro ha fornito al commissario informazioni sulle misure adottate dall'ultima riunione di luglio", ha spiegato la portavoce dell'Esecutivo Ue Anca Paduraru. Andriukaitis, ha aggiunto la funzionaria, "ha ribadito la sua intenzione di recarsi in Puglia quest'anno e ha insistito affinché l'Italia continui a lavorare a livello regionale e nazionale per attuare pienamente le misure volte a fermare l'ulteriore diffusione di xylella" sul territorio italiano e dell'Ue.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scoperto nei maiali in Cina nuovo virus “con potenziale pandemico per l’uomo”

  • I britannici temono l'arrivo di pollo al cloro e carne agli ormoni dagli Usa dopo la Brexit

  • “Mangiate meno formaggio”, la 'rivoluzione' francese per il bene del clima

  • Così le banche dello sviluppo sostengono massicciamente gli allevamenti intensivi

  • La Malesia denuncia l'Ue al Wto: “Lo stop all’olio di palma danneggia la nostra economia”

  • Le condizioni di lavoro nei macelli li rendono possibili focolai di coronavirus

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento