Ceja: "Strategia Ue su bioeconomia vada a favore dei giovani"

L'organizzazione giovanile in occasione della riunione dei ministri dell'Agricoltura a Bucarest

"I giovani agricoltori svolgono un ruolo cruciale nel futuro del settore agricolo. Molti di loro considerano la bioeconomia come un modo sostenibile per combinare la produzione e la crescita economica riducendo al contempo gli impatti negativi sull'ambiente. Affinché la ricerca sia efficace e per incoraggiare l'adozione di attività legate alla bioeconomia, occorrono strumenti ben finanziati che vadano a diretto beneficio degli agricoltori, in particolare dei più giovani, che devono affrontare una maggiore incertezza". E' quanto dichiara il presidente del Ceja, Jannes Maes, in occasione della riunione informale dei ministri dell'Agricoltura a Bucarest, in Romania, dedicata alla ricerca e alla bioeconomia. 

"Il Ceja accoglie  con favore gli strumenti finanziari proposti dalla Banca europea per gli investimenti nel quadro dell'iniziativa congiunta con la Dg Agri - prosegue Maese - Questi miglioreranno l'accesso ai finanziamenti per i giovani agricoltori nell'Ue.La ricerca e la bioeconomia possono contribuire agli obiettivi economici, ambientali e sociali della futura Pac. È fondamentale che siano vantaggiosi per lo sviluppo delle comunità rurali in senso lato".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Salvini non mangia la Nutella "turca". Ma le nocciole italiane non piacciono agli ambientalisti

  • Pesticidi, Parlamento Ue: "Pac ne incentivi la riduzione"

  • Bilancio Ue, dagli Stati tagli alla Pac per 75 miliardi

  • Agrinsieme contro la sugar tax: “Colpo di grazia al comparto saccarifero e dei succhi di frutta”

  • Aceto, Corte Ue: “Si può chiamare ‘balsamico’ anche quello tedesco”

  • “Succhi di frutta gratuiti per bisognosi pagati da Bruxelles 4,25 euro al litro”

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento