Formare i migranti in Italia per sostenere lo sviluppo agricolo dell'Africa

Il progetto Enea-Focsiv “professionisti senza frontiere” si rivolge a ingegneri e agronomi di Etiopia, Costa d’Avorio e Senegal

Coinvolgere i migranti africani in Italia per promuovere lo sviluppo nei loro Paesi d’origine, anche attraverso attività di formazione sul campo nei settori dell’energia e dell’agricoltura. È questo l’obiettivo di “Professionisti senza frontiere: Competenze delle diaspore per lo sviluppo economico locale in Africa Saheliana”, il progetto di cooperazione allo sviluppo di Focsiv ed Enea che ha coinvolto ingegneri e agronomi originari dell'Africa ma che vivono e si sono specializzati in Italia.

Avviato a gennaio 2017 con finanziamenti del ministero dell’Interno, il progetto si concentrato su tre Paesi Africani - Etiopia, Costa d’Avorio e Senegal – focalizzandosi soprattutto su progetti per l’elettrificazione di villaggi rurali, il miglioramento delle tecniche agricole e la sanificazione dell’acqua. Il progetto ha dato i suoi frutti, come spiegato dagli organizzatori nel presentarne gli esiti. “Nei due anni di attività sono state individuate le competenze professionali nel settore agronomico e delle energie rinnovabili delle comunità africane in Campania, Lazio, Marche e Toscana, le quattro regioni italiane di presenza di partner”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come Enea, spiega il direttore del Dipartimento tecnologie energetiche dell’Ente, Gian Piero Celata, “abbiamo accompagnato le attività di assistenza tecnica e formazione mettendo a disposizione le competenze dei nostri esperti nei settori delle energie rinnovabili, delle pratiche agronomiche sostenibili e dei sistemi di informazione geografica per la gestione delle risorse idriche”. Soddisfatto anche Andrea Stocchiero di Focsvi. “Grazie a percorsi di istruzione e formazione molti migranti portano con sé, o acquisiscono in Italia, competenze che possono risultare preziose nei paesi di provenienza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Così le banche dello sviluppo sostengono massicciamente gli allevamenti intensivi

  • Le Alpi si tingono di rosa, un'alga colora la neve ma la fa anche sciogliere prima

  • Focolai di Covid-19 negli allevamenti in Olanda: migliaia di visoni abbattuti

  • Anche in Austria i macelli diventano focolai di coronavirus

  • La Lega accusa il M5s: "Vuole una tassa Ue sulla 'nduja". La replica: "Tutto falso"

  • "Gli italiani mangiano troppo pesce", il Wwf lancia guida per un consumo responsabile

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento