L'agriturismo italiano continua a crescere, ma 1 turista su 2 va in Toscana, Veneto e a Bolzano

Il fatturato ha raggiunto gli 1,3 miliardi di euro, con 12,7 milioni di presenze. La metà concentrata nelle due regioni e nella provincia autonoma. Arranca il Sud

L'agriturismo italiano continua a crescere, ma a trainare il boom è soprattutto il Nord. Anzi, per la precisione, la Toscana, la Provincia autonoma di Bolzano e il Veneto. Mentre il Sud arranca. E' quanto emerge dal rapporto Ismea 2018 presentato in occasione della nuova edizione di AgrieTour, il Salone nazionale dell'agriturismo e dell'agricoltura multifunzionale ad Arezzo.

Nel 2017, stando al report, l'agriturismo italiano ha raggiunto, con una crescita ininterrotta negli ultimi venti anni, i 12,7 milioni di presenze (+5,3%) e 3,2 milioni di arrivi (+6,7%). Il fatturato è di 1,36 miliardi di euro (+6,7% sul 2016) e l'offerta può contare su 23.406 aziende attive (+3,3%).

La Toscana e la Provincia Autonoma di Bolzano, nella composizione della domanda nazionale del 2017, si confermano i territori più attrattivi. Nello specifico, la Toscana, con oltre 889 mila arrivi, e la Provincia Autonoma di Bolzano, con oltre 448 mila, detengono le quote di mercato maggiori, rispettivamente del 27,4% e 13,8% (insieme rappresentano il 41,2% degli arrivi totali). Seguono il Veneto con 305 mila arrivi (9,4%) e 932 mila presenze (7,3% delle presenze nazionali) e l'Umbria, con oltre 230 mila arrivi e 82 mila presenze (rispettivamente il 7,1% e 6,6% sul totale nazionale).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A sostenere la domanda nel biennio 2016-17 sono soprattutto i turisti stranieri, con incrementi a doppia cifra per alcuni Paesi: Brasile (arrivi +37,7% e presenze +41,3%), Russia (+37,5% e +33,1%), Cina (+26,8% e +30,1%), Croazia (+26,2% e +24,2%) e Danimarca (+19,5% e +21,6%). 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Polvere di roccia sui campi agricoli per eliminare la CO2. L’idea degli scienziati per ripulire l’aria

  • Ricorso all'Ue contro la legge che vieta di chiamare 'burger' e 'salsicce' i prodotti vegan

  • Le Alpi si tingono di rosa, un'alga colora la neve ma la fa anche sciogliere prima

  • Focolai di Covid-19 negli allevamenti in Olanda: migliaia di visoni abbattuti

  • Anche in Austria i macelli diventano focolai di coronavirus

  • La Lega accusa il M5s: "Vuole una tassa Ue sulla 'nduja". La replica: "Tutto falso"

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento