Da orto di famiglia a laboratorio di biodiversità: ecco il Vecjo Mulin

Viaggio nell'azienda creata da un giovane di Udine. Con la passione per le piante "dimenticate"

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

Il Vecjo Mulin non è solo un'azienda agricola: nato nel 2014 da un orto famigliare, oggi è una sorta di giardino della biodiversità dedicato all'agricoltura biologia sinergica. Su circa 4 ettari di terreno vengono coltivate, oltre agli ortaggi, piante “dimenticate” attraverso la semina di semi antichi e varietà rare e scartate nei secoli per convenienza di coltivazione (fra queste la mandorla di terra o zigolo dolce (nelle immagini è quello marroncino piccolo dalla forma non lineare), il mais gemma di vetro -quello azzurro-, o pomodor). Sempre nei piccoli appezzamenti viene coltivato quello che poi è divenuto un mais “autoctono” denominato mais di Illegio. Ecco la storia di Marco Zozzoli

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Potrebbe Interessarti

  • Le Storie

    Quando una sfera può fermare le emissioni nocive

  • AgroTools

    Pac post-2020 a rischio? "Senza accordo andare avanti con norme attuali"

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento