Torna l'influenza aviaria nel Regno Unito, le autorità: “Rischio basso”

Ventisettemila polli verranno abbattuti in un allevamento del Suffolk, è il primo caso dal gennaio 2017

L'influenza aviaria è tornata nel Regno Unito con un focolaio che è stato scoperto in un allevamento nel Suffolk, il primo caso nel Paese dal gennaio 2017 quando furono contagiati migliaia di uccelli nel Lancashire e nel Lincolnshire.

Il ceppo

Tutti i 27mila polli della fattoria commerciale saranno abbattuti dopo che è stato scoperta la presenza del ceppo H5 definito però dal Dipartimento per l'ambiente, l'alimentazione e gli affari rurali come "influenza aviaria a bassa patogenicità". Come racconta il Guardian Public Health England (PHE) ha affermato che il rischio per la salute pubblica è molto basso e la Food Standards Agency (FSA) ha affermato che la sicurezza alimentare non è a rischio.

Restare vigili

“Gli allevatori di uccelli dovrebbero rimanere vigili per identificare eventuali segni di malattia, segnalare immediatamente un sospetto contagio e assicurarsi che mantengano una buona biosicurezza nei loro locali”, ha dichiarato al giornale Christine Middlemiss, il capo dell'ufficio veterinario del governo, spiegando che le autorità stanno “cercando urgentemente qualsiasi evidenza di diffusione della malattia associata a questo ceppo per controllarlo ed eliminarlo”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Rischio basso

La FSA ha dichiarato che non ci sarebbe alcun rischio per la sicurezza alimentare per i consumatori del Regno Unito fintanto che i prodotti a base di pollame, comprese le uova, siano completamente cotti. "L'influenza aviaria è principalmente una malattia degli uccelli e il rischio per la salute del pubblico è molto basso. Per precauzione, stiamo offrendo consigli di salute pubblica e antivirali a coloro che hanno avuto contatti con gli uccelli colpiti, come è prassi standard", ha spiegato Gavin Dabrera, consulente di sanità pubblica presso il PHE.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, niente caffè e meno pasta per gli italiani se si bloccano le importazioni

  • L'appello dei braccianti immigrati: “Raccogliamo il vostro cibo ma abbiamo fame”

  • Cibo e coronavirus, 6 falsi miti su cui fare chiarezza

  • "Tutti cercano stagionali, noi non abbiamo più niente da raccogliere"

  • In arrivo il via libera al consumo di insetti in Europa

  • "Porte aperte a 80mila migranti", la Germania sblocca l'impasse Ue sugli stagionali

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento