Caporalato e sfruttamento dei migranti: missione Onu in Italia

L’osservatrice delle Nazioni Unite sarà in visita ufficiale per esaminare i progressi del Governo italiano sul fenomeno della schiavitù in agricoltura

Un fermo immagine tratto da un video della polizia di ragusa mostra un momento dell'operazione anti caporalato svolta nelle campagne ragusane che ha prtato al fermo di alcuni sfruttatori di manodopera a Ragusa ANSA/POLIZIA

Una missione istituzionale per monitorare lo sfruttamento di migranti nel settore agroalimentare. Con questo compito, la relatrice speciale delle Nazioni Unite sulle forme contemporanee di schiavitù, Urmila Bhoola, si recherà in Italia dal 3 al 12 ottobre.

“L'obiettivo della visita è quello di raccogliere informazioni di prima mano—ha dichiarato Bhoola—sulle condizioni di lavoro e di vita dei lavoratori migranti operanti nel settore dell'agricoltura e valutare in quale misura il Governo Italiano stia adottando le misure necessarie al raggiungimento del traguardo 8.7 degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite il quale richiede: “provvedimenti immediati ed effettivi per sradicare il lavoro forzato, porre fine alla schiavitù moderna e alla tratta di esseri umani” conclude l’esperta inviata dall’Onu. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra gli impegni della visita, l’osservatrice esaminerà, in particolare, le questioni relative allo sfruttamento lavorativo dei migranti nel settore dell'agricoltura e le politiche poste in essere dal Governo al fine di contrastare tale fenomeno nell’immediato e prevenirlo in futuro. La relatrice speciale valuterà inoltre le problematiche legate all’accesso alla giustizia da parte delle vittime dello sfruttamento nel lavoro.

Tra gli incontri previsti ci sono anche colloqui con alti funzionari del Governo; dei ministeri degli Affari esteri, dell'Interno, del Lavoro e delle politiche sociali, della Giustizia, e dell’Agricoltura, del dipartimento per le Pari opportunità e dell'Ufficio nazionale anti-discriminazioni razziali. Il calendario della visita include anche una serie di incontri con i lavoratori migranti che avranno luogo a Rosarno, Foggia e Latina. In queste occasioni la Bhoola avrà modo di incontrare anche i rappresentanti della società civile e delle organizzazioni internazionali attive nel campo della tutela dei migranti. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In una conferenza stampa finale, prevista per il pomeriggio del 12 ottobre Urmila Bhoola condividerà le sue osservazioni e conclusioni sulla visita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'hamburger vegano della Nestlè non potrà più essere "Incredible"

  • "Sfruttamento dei lavoratori e sostanze inquinanti nelle coltivazioni di ananas 'etici e sostenibili'"

  • Migranti, al via le regolarizzazioni: “Ma non basteranno, servono altri 150mila braccianti dall'Est Europa”

  • Start-up agricole, Usa e India ancora leader. Europa costretta a inseguire

  • Modifiche genetiche, “fateci usare le biotecnologie”. L’appello degli agricoltori britannici

  • "Allevamenti intensivi, vulnerabili alle pandemie e colpevoli di crearle"

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento