I campi italiani sempre più bio: aumento del 63% in 5 anni

Lo certifica l'Eurostat. In termini assoluti, il nostro Paese è secondo solo alla Spagna per ettari coltivati con metodo biologico

Continua la crescita del biologico in Italia: tra il 2012 e il 2017, le superfici coltivate con metodo "organico" sono cresciute del 63%. Raggiungendo il 14,9% dell'intero territorio agricolo. E' quanto emerge dai dati pubblicati oggi dall'Eurostat.

In quanto a crescita, di più hanno fatto solo Bulgaria (+249%), Croazia (+202%) e Francia (+69%). L'Italia, con oltre 1,9 milioni di ettari si conferma tra i Paesi con le estensioni bio più grandi in termini assoluti, al secondo posto dopo la Spagna (2,1 milioni di ettari).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel 2017 l'area coltivata a biologico nell'Ue è stata di 12,6 milioni di ettari, il 7% della superficie agricola utilizzata totale, con un aumento del 25% tra il 2012 e il 2017. I Paesi con le maggiori quote di superficie a bio o in conversione sul totale sono l'Austria (23,4% del totale), l'Estonia (19,6%), Svezia (19,2%), seguita da Italia (14,9%), Repubblica ceca (14,1 %), Lettonia (13,9%) e Finlandia (11,4%).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Così le banche dello sviluppo sostengono massicciamente gli allevamenti intensivi

  • Le Alpi si tingono di rosa, un'alga colora la neve ma la fa anche sciogliere prima

  • Focolai di Covid-19 negli allevamenti in Olanda: migliaia di visoni abbattuti

  • Anche in Austria i macelli diventano focolai di coronavirus

  • La Lega accusa il M5s: "Vuole una tassa Ue sulla 'nduja". La replica: "Tutto falso"

  • "Gli italiani mangiano troppo pesce", il Wwf lancia guida per un consumo responsabile

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento