La cucina italiana nel mondo vale 229 miliardi l'anno

Secondo una ricerca di Deloitte è quella con maggiori prospettive all'estero. I Paesi in cui è più diffusa sono gli Stati Uniti e la Cina

Foto archivio Ansa - Paolo Magni

La cucina italiana resta una delle più apprezzate a livello mondiale, al punto tale che il comparto a livello globale nel 2018 ha avuto un fatturato di 229 miliardi, in crescita di oltre il 10% rispetto al 2016.

Lo studio

Lo rileva la ricerca "Italian cuisine market Monitor" sullo stato dell'arte del mercato foodservice a livello locale e globale realizzata da Deloitte in partnership con Alma, la Scuola internazionale di cucina italiana. Secondo lo studio nel 2018 la ristorazione mondiale ha raggiunto un valore pari a 2.563 miliardi di euro di cui quasi la metà (il 46%) appartiene all'area Asia Pacific, che ha trainato la crescita del settore con un tasso medio annuo del 4,1% nel quadriennio 2014-2018, davanti a Nord America (+2%) ed Europa (+1,2%). Questo trend si prevede che proseguirà nel prossimo quadriennio (2018-2022), sebbene a un ritmo meno sostenuto (2,4%), generato in larga parte dalla performance di Asia Pacific (+2,7%) e del resto del mondo (+3,8%).

La cucina italiana

L'indagine come ricorda il titolo, misura il giro d'affari della cucina italiana nel mondo che nel 2018 si è attestato a 229 miliardi di euro, in crescita del 10,6% rispetto al 2016. Di questi, solo 39 sono stati realizzati all'interno dei confini nazionali, rendendo di fatto l'Italia il terzo mercato dopo Cina e Stati Uniti. Con 71 miliardi, la Cina è il primo mercato per valore sul totale della ristorazione nel Paese, con una penetrazione pari al 15,8%. Sono invece gli Stati Uniti a riportare il tasso di penetrazione maggiore, pari al 35,7%, e un giro d'affari complessivo di 69 miliardi di euro. Seppure con valore totale più contenuto rispetto alla top 3, anche India e Brasile dimostrano un'alta penetrazione della cucina italiana (rispettivamente 24,9% e 28,2%).

Il mercato europeo

In Europa, invece, i principali mercati sono Regno Unito, Spagna e Francia, per cui la ristorazione italiana pesa tra i 4 e i 3 miliardi di euro. Sul fronte delle potenzialità della nostra cucina, il 50% del campione vede l'Italia al primo posto come cucina con le migliori prospettive, seguita dal Giappone (per il 40%) e infine la Francia che raccoglie solo il 13% delle preferenze. "Le nostre ricerche confermano che la cucina italiana ha il maggiore potenziale di crescita all'estero. Fattori come la qualità delle materie prime utilizzate ma anche la diffusione di abitudini e prodotti Slow Food vanno incontro alla sempre maggiore attenzione alla salute che caratterizza il consumatore di oggi", ha affermato Tommaso Nastasi, partner di Deloitte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Salvini non mangia la Nutella "turca". Ma le nocciole italiane non piacciono agli ambientalisti

  • Pesticidi, Parlamento Ue: "Pac ne incentivi la riduzione"

  • Bilancio Ue, dagli Stati tagli alla Pac per 75 miliardi

  • Aceto, Corte Ue: “Si può chiamare ‘balsamico’ anche quello tedesco”

  • “Succhi di frutta gratuiti per bisognosi pagati da Bruxelles 4,25 euro al litro”

  • La dieta più sana? E' quella sostenibile per l'ambiente e per il portafoglio

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento