Dalla Germania al Giappone: cresce l'export di gorgonzola nel mondo

Oltre 1,7 milioni di forme hanno oltrepassato i confini italiani per i mercati d'Europa e del resto del globo

Dall'Europa al Giappone, passando per gli Stati Uniti. Le esportazioni di Gorgonzola Dop fanno registrare, ancora una volta, il segno positivo. Nel 2018 hanno varcato i confini nazionali 1 milione 750mila forme (21.007 tonnellate) con un incremento del 2,4% rispetto all'anno precedente. Risultato che conferma la crescita costante dal 2010.

L'Unione europea ha assorbito l'86% del prodotto esportato pari a oltre 1milione 512mila forme mentre l'esportazione verso il resto del mondo è cresciuta del 13% (238.166 forme). I Paesi più attenti alla specialità casearia italiana, in assoluto, sono stati Germania, Francia, Spagna, Regno Unito e Paesi Bassi. Il primo Paese extra Ue si conferma il Giappone, con circa 42mila forme, seguito dagli Stati Uniti con 36.812 forme Cresce anche la produzione.

Nel 2018 sono state prodotte 4.849.303 di forme di Gorgonzola Dop, 116.588 in più rispetto al 2017 (+2,46%). I dati resi noti oggi confermano il trend in costante crescita nella produzione negli ultimi anni. Il Gorgonzola Dop si conferma ancora una volta terzo formaggio di latte vaccino per volume prodotto nel panorama dei formaggi DOP italiani, dopo i due grana, con 37 aziende associate e 1.800 aziende agricole dedicate alla produzione e un volume d'affari al consumo di 720 milioni di euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Sono vettori di Coronavirus”, la Cina mette al bando il consumo di animali selvatici

  • Con la Brexit il Regno Unito pronto ad aprire al pollo Usa lavato con gli acidi

  • I trattori assediano Bruxelles contro i tagli alla Politica agricola comune

  • La dieta mediterranea? Ormai piace più all'estero che in Italia

  • Pollo al cloro, l’Ue avverte il Regno Unito: “In Europa non entra”

  • Effetto coronavirus: boom di vendite di prodotti alimentari, ma nessun problema di rifornimenti

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento