Ogm, Eurocamera contro la Commissione: “No a mais e soia Ogm resistenti agli erbicidi”

I deputati si oppongono al via libera sulle colture tolleranti al glifosato e altri pesticidi. Dietro al voto contrario, la paura che l’editing genetico porti a un maggiore utilizzo di diserbanti che finirebbero poi nel prodotto

Semaforo rosso da parte degli deputati europei agli Organismi geneticamente modificati (Ogm) capaci di resistere a due erbicidi. La plenaria del Parlamento europeo, riunita a Bruxelles, ha votato contro la proposta della Commissione di autorizzare l'importazione di prodotti contenenti tre Ogm resi tolleranti al glifosato e al glufosinato di ammonio. Si tratta di due tipologie di mais e una di soia. Tra le ragioni avanzate dagli europarlamentari ci sono numerosi studi secondi i quali tali colture geneticamente modificate comportano un maggiore utilizzo di diserbanti.

I pericoli per la salute

I deputati affermano che numerosi studi dimostrano che tali colture geneticamente modificate comportano un maggiore utilizzo di diserbanti. Il raccolto da cui provengono potrebbe quindi essere esposto a dosi ripetute, il che potenzialmente porta a una maggiore quantità di residui nei chicchi.

La deforestazione dell'Amazzonia

L’Eurocamera ha colto l’occasione anche per mettere in evidenza i rischi di deforestazione nel Sud America legati alle importazioni di soia geneticamente modificata che viene appunto coltivata nel continente. L'Ue è infatti il secondo importatore di soia a livello globale. La gran parte del prodotto acquistato oltreoceano è destinato alla produzione di mangimi per gli animali d’allevamento.

L'opinione dei cittadini

Durante la discussione in Aula è stato inoltre riportato un recente sondaggio secondo il quale il 90% degli intervistati ritiene necessaria l’approvazione di nuove leggi per garantire che i prodotti venduti nell'Ue non contribuiscano alla deforestazione globale. 

Critiche sulla procedura di autorizzazione

I deputati sottolineano infine che dall'entrata in vigore dell'attuale processo di autorizzazione, la Commissione ha preso tutte le decisioni sul via libera a nuovi prodotti senza il sostegno di una maggioranza qualificata degli Stati membri dell'Ue. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scoperto nei maiali in Cina nuovo virus “con potenziale pandemico per l’uomo”

  • I britannici temono l'arrivo di pollo al cloro e carne agli ormoni dagli Usa dopo la Brexit

  • “Mangiate meno formaggio”, la 'rivoluzione' francese per il bene del clima

  • Così le banche dello sviluppo sostengono massicciamente gli allevamenti intensivi

  • La Malesia denuncia l'Ue al Wto: “Lo stop all’olio di palma danneggia la nostra economia”

  • Le condizioni di lavoro nei macelli li rendono possibili focolai di coronavirus

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento