Accordo tra Ue e Cina per la tutela di Dop e Igp

Tra i marchi europei che verranno protetti da Pechino il San Daniele, la mozzarella di bufala, il gorgonzola e il Chianti. Il Commissario all'Agricoltura Hogan in missione per finalizzare l'intesa

I marchi Dop e igp dell'agroalimentare europeo, o almeno 100 di essi, saranno presto protetti anche in Cina.

Hogan in missione

Bruxelles e Pechino sono pronti a firmare un accordo che proteggerà dalle imitazioni prodotti come il Gorgonzola e lo Champagne. Il commissario Ue all'Agricoltura, Phil Hogan, sarà in Cina fino all'8 novembre per promuovere l'agroalimentare europeo e per partecipare alla ministeriale del Wto a Shanghai, ma il membro dell'esecutivo comuitario vuole anche chiudere l'intesa sulle Dop con Pechino, inseguita dal 2017. "Firmeremo a Pechino ciò che abbiamo lanciato lo scorso marzo con Jean-Claude Juncker e Angela Merkel, l'accordo sulle indicazioni geografiche, atteso da troppo tempo", ha affermato il presidente francese, Emmanuel Macron, anche lui in missione nel Paese, incontrando i rappresentanti delle società francesi e tedesche a Shanghai.

L'accordo

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'accordo prevede la tutela reciproca nei rispettivi mercati di cento prodotti a indicazione geografica (tra cui le Dop e Igp italiane più note al mondo) e cinesi (come il riso Panjin, lo zenzero Anqiu e diverse varietà pregiate di tè). L'obiettivo è includere nell'intesa anche una clausola per espandere l'elenco ad altri 175 alimenti e bevande del registro Ue della qualità quattro anni dopo l'entrata in vigore. Tra i prodotti italiani che saranno tutelati il prosciutto San Daniele e di Parma, la mozzarella di bufala, il pecorino romano, Parmigiano e Grana Padano, la bresaola, la grappa e diversi vini tra cui il Chianti, il Montepulciano e il Barolo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La catena di fast food più diffusa al mondo? Non è McDonald's

  • L'hamburger vegano della Nestlè non potrà più essere "Incredible"

  • La pandemia stimola l'agricoltura 4.0: robot e droni per sostituire i braccianti

  • Fondi Ue, ecco perché ora la Commissione vuole investire di più in sviluppo rurale

  • Migranti, al via le regolarizzazioni: “Ma non basteranno, servono altri 150mila braccianti dall'Est Europa”

  • Modifiche genetiche, “fateci usare le biotecnologie”. L’appello degli agricoltori britannici

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento