Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Dalla birra 'rivoluzionaria' al sogno bioedile, qui si punta sulla canapa"

Il progetto di una giovane imprenditrice: "Con le fibre bio possiamo dire addio alla plastica"

 

Dopo gli studi in Scienze della comunicazione Laura Nolfi ha iniziato a coltivare la terra,  oltre a cereali e legumi produce canapa sativa. Con l’aiuto di terzisti, la sua azienda “SeminaMenti” produce farine ma anche birra: "Ho scelto la birra artigianale come prodotto di lancio aziendale aromatizzata alla canapa perché appartiene alla stessa famiglia del luppolo, quella delle cannabaceae e quindi non fa altro che accentuarne l'aroma- ha spiegato l’imprenditrice- i nomi delle birre sono i mesi del calendario rivoluzionario francese, rivoluzionario come l'ingrediente che le caratterizza, la canapa appunto". L’uso alimentare però è la priorità del momento. Laura sogna di vedere introdotta la canapa nel settore della bioedilizia: "Vorrei produrre per questo settore, visto che con le fibre si ricavano anche i mattoni, oltre a biocarburante e tessuti, quindi è possibile costruire case capaci di mantenere costante la temperatura- ha concluso la ragazza- spero anche che un giorno la canapa possa sostituire del tutto la plastica". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento