Cibi con stabilimento di produzione in etichetta: un valore aggiungo per 8 italiani su 10

Il dato emerge da un sondaggio del Ministero. Nei giorni scorsi, il tribunale di Roma aveva bocciato la legge che ne prevede l'obbligo di indicazione

L’obbligo di indicare nell’etichetta degli alimenti, la sede e l’indirizzo dello stabilimento di produzione o di confezionamento, insieme alla provenienza degli ingredienti impiegati, è un valore aggiunto per l’84% dei consumatori italiani. E' quanto emerge da una consultazione online condotta dal ministero delle Politiche agricole.

Il sondaggio arriva a pochi giorni dalla sentenza del Tribunale di Roma, che ha di fatto bocciato la legge italiana che prevede l'obbligo di riportare sulle confezioni in il luogo in cui è avvenuto il processo di lavorazione. "La tracciabilità degli alimenti - dice Coldiretti - aiuta i consumatori a fare scelte di acquisto consapevoli ma è importante anche in caso di emergenze alimentari per individuare i prodotti a rischio e sottrarli al consumo più facilmente".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Insieme allo stabilimento di lavorazione, sostiene la Coldiretti, "va pero’ prevista l’indicazione obbligatoria in etichetta per tutti gli alimenti anche dell’origine degli ingredienti che è di gran lunga considerato l’elemento determinate per le scelte di acquisto dal 96% dei consumatori". Una battaglia per la trasparenza che ha ancora tanta strada da fare: un quarto della spesa degli italiani è ancora anonima con l’etichetta che non indica la provenienza degli alimenti, dai salumi ai succhi di frutta fino alla carne di coniglio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, niente caffè e meno pasta per gli italiani se si bloccano le importazioni

  • Coronavirus, ora il grano vale più del petrolio

  • Braccianti stranieri, Lega contro il Pd. Ma l’ultimo decreto flussi l’ha firmato Salvini

  • "Porte aperte a 80mila migranti", la Germania sblocca l'impasse Ue sugli stagionali

  • L'emergenza coronavirus colpisce duro gli italiani: 2,7 milioni a rischio fame

  • Covid-19 'colpisce' anche uova e colombe pasquali, crollo dei ricavi delle aziende dolciarie

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento