Bresso: rilanciare l'innovazione nelle zone alpine

L'eurodeputata del Pd: "Hanno handicap strutturale e necessitano di strumenti che consentano il ritorno dei giovani"

Alcuni territori montani “hanno un handicap strutturale importante e necessitano di strumenti che consentano il ritorno dei giovani, l'innovazione e il sorgere dei villaggi intelligenti”, per questo bisogna che anche l'ue sostenza queste regioni con interventi mirati. Lo ha chiesto la parlamentare europea Mercedes Bresso, vicepresidente del gruppo S&D, intervenendo alla riunione in Piemonte di Eusalp, la strategia macroregionale alpina che comprende tutte le Regioni europee che si affacciano sulle Alpi e anche la Svizzera e dive si è parlato anche del futuro della strategia a livello piemontese e di come usare i fondi Ue per valorizzare le zone alpine.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Poche settimane fa a Strasburgo”, ha ricordato Bresso, “abbiamo approvato una risoluzione che guarda alle zone montane, rurali o ultraperiferiche dell'Europa. Si tratta dell'80% del territorio europeo e del 50% dei cittadini, che ha un reddito inferiore del 70% rispetto alla media”. Questi territori “hanno un handicap strutturale importante e necessitano di strumenti che consentano il ritorno dei giovani, l'innovazione e il sorgere dei villaggi intelligenti”, ha affermato la deputata aggiungendo che “per questo al Parlamento europeo ci siamo battuti per far approvare un'Agenda per lo sviluppo delle zone montane e rurali”, con la consapevolezza che “non dobbiamo solo puntare alle attività tradizionali, ma guardare all'innovazione, alla crescita e allo sviluppo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La misteriosa malattia che sta uccidendo i kiwi italiani

  • È mandorle mania, da 5 anni in Europa l'ingrediente più usato nei nuovi prodotti alimentari

  • Birra e patatine a rischio per il clima, il Belgio in allarme

  • Londra vieta i gruppi di più di sei persone, ma non se si va a caccia

  • "Carne contaminata venduta sul mercato", l'allarme degli ispettori sanitari europei

  • La cannabis no, i grilli sì: il rischio Ue per i cibi alla canapa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgriFoodToday è in caricamento