Mitili contaminati a Taranto, la Commissione Ue chiede chiarimenti

Lo ha reso noto il commissario europeo all'Ambiente Karmenu Vella in una lettera all'eurodeputata M5s Rosa D'Amato sulla situazione della contaminazione del Mar Piccolo e del commercio dei mitili

“La questione della contaminazione del Mar Piccolo” a Taranto “deve essere affrontata dalle autorità italiane competenti” e per questo la Commissione europea ha scritto a tali autorità per avere “una risposta”. Lo dice il commissario Ue all'Ambiente, Karmenu Vella, rispondendo a una lettera di chiarimenti dell'eurodeputata tarantina del Movimento 5 stelle, Rosa D'Amato.

“A Bruxelles ho sollevato il problema dell'inquinamento del Mar Piccolo e dei rischi per la salute e l'economia della zona, vista la presenza dei vicini allevamenti di mitili”, spiega l'europarlamentare. Nel ribadire che i mitili contenenti livelli di diossina al di sopra di quelli consentiti non possono essere immessi sul mercato, il commissario Ue Vella ha aggiunto che “la autorità competenti devono intraprendere adeguate misure per garantire il corretto funzionamento delle attività economiche che dipendono dalla qualità delle acque, come l'allevamento dei mitili” e “indagare per stabilire la fonte della contaminazione”, con conseguenti misure “per ridurre o eliminare” tale fonte. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La Commissione ricorda poi che vanno rispettate le direttive sulle emissioni industriale e sulle acque marine – spiega D'Amato – E sollecita azioni anche per le acque intorno al quartiere Tamburi. Noi continueremo a tenere alta l'attenzione su questo problema, a Taranto come a Bruxelles. Le fonti di inquinamento, come previsto dal contratto di governo, vanno eliminate. A partire dall'Ilva”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tabacco fa bene alla salute, lo dicono gli scienziati (italiani)

  • Embrioni di bovini da carne impiantati nelle mucche da latte per ottimizzare la produzione

  • Carbonara regina anche dei delivery, è la pasta più ordinata nelle consegne a domicilio

  • Lo strano caso della strage delle foche in Namibia, sulla costa spiaggiati 5mila feti morti

  • Chiamateli hamburger anche se vegani: l'80% degli europei a favore del nome che non piace agli allevatori

  • "Così il latte della multinazionale ha inquinato i fiumi per anni", l'accusa alla francese Lactalis

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgriFoodToday è in caricamento