Erba secca, sfalci e potature tornano rifiuti

Si potranno smaltire secondo regole locali di raccolta differenziata in aree urbane e siti agro-industriali

I materiali di scarto vegetali e le erbacce provenienti da aree verdi cittadine come parchi pubblici, giardini privati o cimiteri e da attività agro-industriali torneranno ad essere smaltite come rifiuti organici. È quanto prevede la bozza di legge europea discussa ieri, che permetterà di chiudere sul nascere il contenzioso 9180/2017 con l’Unione europea. Mentre le normative europee classificano gli scarti vegetali come “rifiuti organici”, una legge italiana li definiva “sottoprodotti” da smaltire come biomasse.

A partire dal 2016, con la legge 154, venivano esclusi dalla normativa ordinaria sui rifiuti da smaltire il materiale organico di sfalci e potature delle aree verdi. A seguito di un’interrogazione degli europarlamentari del Movimento 5 Stelle, la Commissione europea aveva quindi ritenuto non corretta tale esclusione e sollevato la questione con l’Italia. Tale normativa non consentiva infatti di utilizzare nella filiera del compostaggio le milioni di tonnellate di materiale l’anno che andavano invece a finire nelle centrali di combustione a biomasse.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un mancato adeguamento alle regole Ue avrebbe significato una potenziale procedura di infrazione delle regole comunitarie. L’intervento del ministero dell’Ambiente prima e del Cdm poi, permetterà non solo di evitare ulteriore avanzamento del contenzioso, ma soprattutto di riprendere a smaltire come rifiuti organici i materiali di scarto vegetali. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La misteriosa malattia che sta uccidendo i kiwi italiani

  • È mandorle mania, da 5 anni in Europa l'ingrediente più usato nei nuovi prodotti alimentari

  • Birra e patatine a rischio per il clima, il Belgio in allarme

  • Londra vieta i gruppi di più di sei persone, ma non se si va a caccia

  • "Carne contaminata venduta sul mercato", l'allarme degli ispettori sanitari europei

  • La cannabis no, i grilli sì: il rischio Ue per i cibi alla canapa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgriFoodToday è in caricamento