Per San Valentino 'nduja, pistacchi e tartufi: ecco i cibi dell'amore

Coldiretti pubblica la lista degli alimenti considerati 'elisir naturali' e rigorosamente made in Italy: "Non c'è bisogno di affidarsi a spezie esotiche"

Foto di Christine Sponchia da Pixabay

Cosa portare a tavola per la cena di San Valentino, per soddisfare il palato, ma anche aiutare per il dopo-pasto? Secondo Coldiretti, le alternative sono tante, ma tra i prodotti più adatti a svolgere il ruolo di 'elisir naturali' dell'amore ci sono la 'nduja, i pistacchi, il finocchietto selvatico, ma anche il tartufo, lo zafferano e il miele. Tutti rigorosamente made in Italy, sottolinea l'organizzazione degli agricoltori, che invita a diffidare dalle spezie esotiche. 

Per Coldiretti, sono molti i prodotti naturali per i quali la ricerca scientifica ha confermato proprietà afrodisiache. C'è il pistacchio di Bronte, per esempio, considerato un cibo dell'amore per l'abbondante presenza di antiossidanti e l'elevato contenuto di arginina, aminoacido che aiuta a preservare la flessibilità delle arterie e a migliorare il flusso sanguigno.

Per i più coraggiosi c'è l'aglio, i cui effetti stimolanti sono conosciuti fin dai tempi dei romani. Cosi' come è noto da tempo che il peperoncino è un potente afrodisiaco per l'effetto vasodilatatorio sulla circolazione periferica e anche la 'nduja grazie al sapiente mix di carne e peperoncino. Un elisir d'amore che favorisce anche la digestione è lo zafferano prodotto dagli stimmi essiccati dei fiori di 'crocus sativus' mentre i pinoli, che nella credenza popolare sono propiziatori di fertilità, hanno notevole contenuto di zinco, minerale utile per i livelli di testosterone. Il finocchietto selvatico, invece, ha un effetto equilibrante sui livelli ormonali femminili.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coldiretti ricorda anche come San Valentino sia una giornata molto amata dagli agricoltori e dal settore alimentare: i 2/3 dei regali provengono proprio dai campi e dall'industria del cibo, secondo un sondaggio della stessa organizzazione. Quasi quattro italiani su dieci (il 37%) regala infatti fiori, il 30% cioccolatini o altri dolciumi. A seguire vestiti, abbigliamento o accessori (25%) e gioielli o altri oggetti di valore (8%).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La catena di fast food più diffusa al mondo? Non è McDonald's

  • Riparte la pesca al tonno rosso ma senza trasferimenti di quote tra Italia e Malta

  • Merendine per i bambini? Due genitori su tre le acquistano anche per mangiarle loro

  • La pandemia stimola l'agricoltura 4.0: robot e droni per sostituire i braccianti

  • Due casi di contagio di coronavirus da visoni, in Olanda test in tutti gli allevamenti

  • Il Covid-19 fa dimenticare l'altra grande pandemia mondiale: la peste suina

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento