Influenza aviaria, da Bruxelles oltre 30 milioni di aiuti all’Italia

Sostegno al settore avicolo duramente colpito dal virus. Confermata la presenza di 45 focolai in tutto il Paese tra il 2017 e il 2018

Via libera definitivo agli aiuti destinati al settore avicolo italiano per risarcire i danni causati dall’influenza aviaria nel biennio 2017-18. Ai 32,1 milioni stanziati dall’Unione europea si aggiungeranno fondi statali che porteranno l’intero programma di aiuti ai produttori di carne e uova a un totale di 64,2 milioni di euro. La misura eccezionale rientra tra le voci di spesa per la Politica agricola comune e mira a dare sostegno al comparto colpito dai focolai dell’influenza dei polli. 

I focolai

“Da inizio ottobre 2017 e il 30 giugno 2018 - si legge in un comunicato della Commissione europea - sono stati notificati dall'Italia 45 focolai di influenza aviaria che hanno colpito anatre, tacchini, faraone e polli”. “L'Italia - prosegue la Commissione - ha adottato tutte le misure necessarie per controllare e monitorare la situazione e prevenire ulteriori epidemie”.

I danni

A causa del virus, ricorda la Commissione Ue, i produttori hanno dovuto ricorrere a contromisure come “il prolungamento dei tempi di riposo” e “limitazioni di movimenti del pollame”. “Ciò ha comportato una perdita di produzione di uova da cova, uova da consumo, animali vivi e carne di pollame”, conclude palazzo Berlaymont.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pasta al glifosato: ecco i marchi che la contengono (e quelli da non dare ai bimbi)

  • Il "giusto prezzo" delle clementine: la Coop al fianco dei produttori calabresi

  • Un po' agronomi, un po' braccianti: come robot e droni stanno cambiando il lavoro nei campi

  • La Francia minaccia il veto sull'accordo Brexit per i diritti di pesca, rischio No Deal

  • Macelli addio? Per la prima volta nei piatti arriva la carne creata in laboratorio

  • La cannabis non uccide: l'Onu la rimuove dalle sostanze pericolose. Putin e Orban contrari

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento