Ocse: "Con innovazione tecnologica, rischio calo occupazione in agricoltura"

E' quanto emerge dal report Employment Outlook 2019. Confagricoltura: "Si creeranno nuovi profili professionali, va gestita la transizione con un migliore raccordo tra scuola e imprese e l'attuazione di programmi di formazione all'interno delle strutture produttive"

L'agricoltura e la pesca sono tra i settori economici che saranno più colpiti dall'innovazione tecnologica, anche in termini di riduzione dei posti di lavoro. E' quanto emergere dall'ultimo rapporto Ocse sul lavoro 'L'Italia a confronto con gli altri paesi - Employment Outlook 2019': secondo il report, nel Belpaese il 15,2% dei posti di lavoro esistenti potrebbe scomparire a causa dell'automazione e un posto su tre potrebbe subire cambiamenti radicali.

"Il settore agricolo sta già attraversando una fase di profonde innovazioni tecnologiche, che incidono sui consolidati modelli di produzione e commercializzazione dei prodotti - dice il presidente di Confagricoltura Massimiliano Giansanti - L'agricoltura digitale avrà un impatto comparabile con quello innescato dalla meccanizzazione negli anni Novanta del secolo scorso. Indubbiamente, la diffusione delle nuove tecnologie - prosegue - come indicato dall'Ocse, comporterà una riduzione dell'occupazione, ma questa non sarebbe una novità in assoluto. E' stato così anche in passato. Si creeranno nuovi posti di lavoro con diversi profili professionali rispetto alla situazione attuale che vede prevalere le attività manuali. Certamente, va gestita la transizione con un migliore raccordo tra scuola e imprese e l'attuazione di programmi di formazione all'interno delle strutture produttive".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"C'è un aspetto di fondo da sottolineare - osserva ancora Giansanti - Le nuove tecnologie consentono di far salire la produttività che, in Italia, è ferma da tempo. Se l'economia ristagna e le imprese non sono competitive, risulta veramente difficile aumentare l'occupazione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strage di pesci e animali ubriachi in Slovenia: "Colpa del vino nel fiume"

  • La guerra del cioccolato a Ritter Sport: è suo il monopolio di quello quadrato e non rettangolare

  • Crostacei contaminati da microplastiche: la triste scoperta italiana nel mar Artico

  • "Macelli focolai di coronavirus", la Germania vara una stretta sull'industria della carne

  • Stagionali rumeni bloccati dal Covid, vendemmia a rischio

  • La truffa dei cibi anti-Covid: "Nemmeno il lockdown ha fermato le frodi alimentari"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgriFoodToday è in caricamento