menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Piante "aliene" a rischio: l'Ue blocca l'import di 39 impianti

Gli Stati membri hanno accettato la proposta della Commissione e introdotto misure volte a rafforzare i controlli sulle specie introdotte da Paesi extra Ue

Stop all'importazione di 39 piante ad alto rischio per l'ecosistema europeo. Lo hanno deciso i rappresentanti degli Stati membri dell'Ue che hanno dato l'ok a un proposta della Commissione in cui sono contenute misure volte a migliorrare il livello di protezione delle piante nell'Ue.

Durante una riunione del comitato Paff a Bruxelles, esperti di tutti i Paesi dell'Ue hanno approvato un elenco di piante ad alto rischio, che comprende 35 impianti per la semina, 1 varietà di frutto, 1 di verdura e 1 di legno. Lo scopo dell'elenco è garantire che la loro introduzione nell'Ue sia temporaneamente vietata fino al completamento di una valutazione completa del rischio.

Nell'elenco sono stati inserite anche quelle piante che devono essere accompagnate da un certificato fitosanitario specifico per essere importate. La misura entrerà in vigore il 14 dicembre. L'obbligo di certificazione non si applica a banane, ananas, noci di cocco e datteri "poiché non rappresentano un rischio per la produzione agricola europea", spiega Bruxelles.

Insieme a questo elenco, gli Stati membri hanno approvato misure volte ad aumentare e a migliorare i controlli sulle specie aliene importate. Accogliendo con favore il voto, Vytenis Andriukaitis, commissario responsabile per la salute e la sicurezza alimentare, ha dichiarato: "Una rapida attuazione del regolamento fitosanitario è della massima importanza dal momento che non solo rafforzerà la nostra lotta interna contro gli organismi nocivi che possono avere un impatto importante sul l'economia, ma anche rafforzare i controlli alle frontiere dell'Ue. Per farlo funzionare, invito gli Stati membri a rafforzare il rafforzamento e la preparazione delle risorse necessarie, in particolare in termini di personale, per affrontare questa lotta".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgriFoodToday è in caricamento