menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tutelando il 30 per cento del Mediterraneo si potrebbe rigenerare la sua intera biodiversità

Lo afferma un report del Wwf che lamenta che al momento solo il 9,68 per cento è indicato come 'protetto' e solo l'1,27 per cento è effettivamente tutelato

Gli stock ittici del Mediterraneo potrebbero rigenerarsi se anche solo il 30 per cento del mare venisse protetto efficacemente. Considerando che ad oggi, solo il 9,68 per cento è indicato come 'protetto' e che solo l'1,27 per cento è effettivamente tutelato, c'è ancora molto lavoro da fare. È quanto rileva il nuovo report del Wwf '30 per 30: Possibili scenari per rigenerare la biodiversità e gli stock ittici nel Mediterraneo', analizzando i benefici che l'interruzione della pesca insostenibile e della pesca illegale, e di altre attività dannose in aree selezionate, porterebbe alla biodiversità marina e alle popolazioni ittiche. Lo studio è stato condotto in collaborazione con i ricercatori del Cnrs-Criobe Francese, l'Ecopath International Initiative e l'Icm-Csic Spagnolo.

L'analisi scientifica ha evidenziato che "nei prossimi anni, se la pesca insostenibile e le altre attività industriali proseguiranno agli stessi livelli di oggi, gli stock ittici nel Mediterraneo continueranno a diminuire". In contrasto a questo trend, il report conferma che "la protezione efficace di specifiche aree, fino a raggiungere il 30% del Mar Mediterraneo, unita alla gestione sostenibile delle attività economiche nella restante parte del bacino, garantirebbe l'aumento di questi stessi stock ittici commerciali e una ripresa significativa dell'intero ecosistema marino". I risultati dello studio, inoltre, mostrano che le catture degli sparidi (come saraghi, dentici, etc) potrebbero aumentare del 4-20% e quelle dei grandi pesci demersali (che vivono sui fondali) di interesse commerciale (ad esempio il nasello) fino al 5%.

Nel Mediterraneo Occidentale, per cui sono disponibili più dati scientifici, l'analisi mostra aumenti potenziali degni di nota: la biomassa di predatori come gli squali potrebbe aumentare fino al 45%, mentre la biomassa di specie commerciali come le cernie potrebbe aumentare del 50% e il nasello potrebbe perfino raddoppiare la sua biomassa. Anche il tonno rosso, la popolazione più iconica e commercialmente importante del Mediterraneo, potrebbe potenzialmente rigenerare la sua biomassa fino a un aumento record del 140%.

"Oggi abbiamo la prova scientifica che la protezione di aree chiave del Mediterraneo è un modo efficace per ricostituire gli stock ittici più importanti e fermare la drammatica perdita di specie e habitat che sta minacciando il nostro mare”, avverte Marina Gomei, del Wwf Mediterranean Marine Initiative. Queste aree marine “hanno un enorme potenziale per sostenere il settore della pesca e le economie locali, già ampiamente colpite dalla pandemia da Covid-19, e aumentare la nostra resilienza contro il cambiamento climatico”, ha aggiunto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgriFoodToday è in caricamento