rotate-mobile
Lunedì, 3 Ottobre 2022
Ambiente&Clima

Ue divisa sul Sulfoxaflor, salta il divieto del pesticida pericoloso per le api

Nella votazione per limitarne l'uso solo all'interno alle serre è mancata la maggioranza tra gli Stati membri. La Commissione europea promette di bandirlo comunque entro l'estate

L'Unione europea resta divisa sul Sulfoxaflor, un pesticida che può avere effetti negativi sulle api selvatiche. La Commissione europea vorrebbe vietarne l'utilizzo ma ancora una volta non è riuscita ad ottenere la maggioranza dei voti da parte dei rappresentanti degli Stati membri. L'esecutivo dell'Ue si è impegnato a proteggere gli insetti impollinatori e costruire sistemi alimentari sostenibili, ma sul divieto di questo pesticida ancora non è riuscito a ottenere il consenso dei Ventisette.

“Le discussioni con gli Stati membri nel corso dell'ultimo anno sulla limitazione dell'uso del Sulfoxaflor non hanno fornito un sostegno sufficiente per la proposta della Commissione di limitarne l'uso”, scrive l'esecutivo in una nota. "Le conclusioni scientifiche dell'Efsa (l'Autorità europea per la sicurezza alimentare, ndr) mostrano che l'uso esterno del Sulfoxaflor può essere dannoso per i bombi (un insetto imenottero, ndr) e le api solitarie”, ha dichiarato Stella Kyriakides, commissaria europea per la Salute e la sicurezza alimentare. “Bisogna agire ora per limitarne l'uso solo all'interno", ha aggiunto Kyriakides.

Il Sulfoxaflor è stato approvato per la prima volta nel 2015. Il suo produttore, l'azienda statunitense Dow Agrosciences (ora chiamata "Corteva") ha sempre sostenuto che non è un neonicotinoide, e ha appositamente inventato una nuova categoria per questa sostanza (le sulfoximine), per evitare il marchio "neonic", che ormai è collegato a una immagine negativa di killer delle api. Ma a causa della mancanza di dati sulla sua tossicità per gli impollinatori, a Dow Agrosciences è stato richiesto di inviare alla Commissione europea "informazioni di conferma", che nel 2019 sono state considerate insufficienti per garantire la sicurezza delle api dall'Autorità europea per la sicurezza alimentare. Dopo diversi anni di analisi e discussioni tra l'esecutivo comunitario, l'Efsa e gli Stati membri, nell'autunno 2021 Bruxelles ha proposto di limitare l'uso di questa sostanza alle serre permanenti. Nessuna maggioranza qualificata è stata ottenuta in una votazione organizzata nel Comitato permanente dei fitofarmaci alla fine del 2021.

Palazzo Berlaymont ha quindi portato l'argomento al "Comitato d'appello" dove una seconda votazione ha avuto luogo il 31 marzo, e ha comunicato che adotterà comunque un regolamento che limiti l'uso di questo pesticida entro questa primavera. Sarebbe la prima volta che un pesticida viene vietato solo sette anni dopo la sua approvazione iniziale nell'Ue per motivi ambientali. "Ora chiediamo alla Commissione europea di trattare allo stesso modo altri pesticidi tossici per le api, come il flupyradifurone o la cipermetrina. La strada è ancora lunga per affermare che i pesticidi dell'UE sono sicuri per il nostro ambiente”, ha commentato Martin Dermine, policy officer Salute e ambiente del Pesticide action Network (Pan).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ue divisa sul Sulfoxaflor, salta il divieto del pesticida pericoloso per le api

AgriFoodToday è in caricamento