Xylella, primo caso in Toscana ma non su olivi. Coldiretti: “No inutili allarmismi”

Si tratta di una sottospecie del batterio diversa da quello pugliese che ha colpito nell'Argentario ginestre e mandorli

La Xylella fastidiosa è arrivata purtroppo anche in Toscana dove è stata rinvenuta per la prima volta nel comune di Monte Argentario, seppur non su ulivi. Dai primi accertamenti - si legge in una nota della Regione - è emerso che il batterio ritrovato appartiene alla sottospecie Multiplex, differente da quella pugliese, finora mai rinvenuta in Italia ma presente in Francia e in Spagna. Tra le piante trovate infette ci sono ginestre, poligale mirtifolia mandorli e calicotome. "La Regione si è attivata sin dal 2013, a seguito dell'emergenza Xylella in Puglia. Da oltre 4 anni compie controlli preventivi molto scrupolosi su tutto il territorio regionale, circa 10 mila ad oggi", ha detto l'assessore regionale all'agricoltura Marco Remaschi.

"Proprio questo sistema di vigilanza continua, da parte del servizio fitosanitario regionale, ci ha consentito di individuare in maniera precoce il minimo segnale di presenza di piante colpite garantendo così interventi tempestivi di controllo ed eradicazione". "Siamo fiduciosi di un esito positivo della vicenda - aggiunge l'assessore - anche in virtù del fatto che le numerose analisi compiute non hanno assolutamente evidenziato infezioni a carico di olivi sul nostro territorio".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Secondo quanto dichiarato dalla Regione non esistono condizioni per inutili allarmismi anche perché non sono state evidenziate infezioni a carico di olivi. Oltretutto le piante colpite, una quarantina in tutto, sono ginestre e mandorli nei dintorni di Porto Santo Stefano - da dove il batterio potrebbe essere sbarcato - zona particolarmente isolata dal resto del territorio toscano per la presenza della laguna di Orbetello”, ha commentato Fabrizio Filippi, presidente di Coldiretti Toscana, secondo cui “le potenziali vie di diffusione sono quindi limitate dalla natura dell'area".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La misteriosa malattia che sta uccidendo i kiwi italiani

  • È mandorle mania, da 5 anni in Europa l'ingrediente più usato nei nuovi prodotti alimentari

  • Birra e patatine a rischio per il clima, il Belgio in allarme

  • Londra vieta i gruppi di più di sei persone, ma non se si va a caccia

  • "Carne contaminata venduta sul mercato", l'allarme degli ispettori sanitari europei

  • La cannabis no, i grilli sì: il rischio Ue per i cibi alla canapa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgriFoodToday è in caricamento