Xylella, la Liguria ora teme il contagio dalla Francia

Dopo la scoperta di due olivi contagiati vicino al confine con l'Italia. Coldiretti: "Evitare allarmismi e agire con tempestività"

I due ulivi positivi alla Xylella individuati per la prima volta in Francia, sulla Costa Azzurra, a poca distanza dal confine italiano, stanno creando non poche preoccupazioni in Liguria. Che adesso teme il contagio.

Le piante infette, una a Mentone e l'altra ad Antibe, sono ai confini dell'area in cui il batterio è già presente dal 2015. A preoccupare di più le autorità francesi è il caso di Mentone, perché la sottospecie di Xylella fastidiosa rilevata è la stessa della sindrome del disseccamento rapido degli ulivi in Puglia, scrive l'Ansa.

Preoccupazioni condivise da Coldiretti, che solleva il rischio contagio in Liguria: "Occorre evitare allarmismi e agire con tempestività per verificare il contagio e poi procedere immediatamente all’isolamento delle piante infette per attivare tutte le misure necessarie ad evitare l’estendersi della contaminazione", si legge in una nota. 

"Si tratta di salvaguardare - sottolinea sempre Coldiretti - un patrimonio regionale culturale, ambientale ed economico storico con ulivi su oltre 18mila ettari di terreno molti situati sui tipici terrazzamenti, con varietà pregiate uniche al mondo come la taggiasca", conclude. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Sono vettori di Coronavirus”, la Cina mette al bando il consumo di animali selvatici

  • Con la Brexit il Regno Unito pronto ad aprire al pollo Usa lavato con gli acidi

  • I trattori assediano Bruxelles contro i tagli alla Politica agricola comune

  • La dieta mediterranea? Ormai piace più all'estero che in Italia

  • Effetto coronavirus: boom di vendite di prodotti alimentari, ma nessun problema di rifornimenti

  • Pollo al cloro, l’Ue avverte il Regno Unito: “In Europa non entra”

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento