Xylella, la Liguria ora teme il contagio dalla Francia

Dopo la scoperta di due olivi contagiati vicino al confine con l'Italia. Coldiretti: "Evitare allarmismi e agire con tempestività"

I due ulivi positivi alla Xylella individuati per la prima volta in Francia, sulla Costa Azzurra, a poca distanza dal confine italiano, stanno creando non poche preoccupazioni in Liguria. Che adesso teme il contagio.

Le piante infette, una a Mentone e l'altra ad Antibe, sono ai confini dell'area in cui il batterio è già presente dal 2015. A preoccupare di più le autorità francesi è il caso di Mentone, perché la sottospecie di Xylella fastidiosa rilevata è la stessa della sindrome del disseccamento rapido degli ulivi in Puglia, scrive l'Ansa.

Preoccupazioni condivise da Coldiretti, che solleva il rischio contagio in Liguria: "Occorre evitare allarmismi e agire con tempestività per verificare il contagio e poi procedere immediatamente all’isolamento delle piante infette per attivare tutte le misure necessarie ad evitare l’estendersi della contaminazione", si legge in una nota. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Si tratta di salvaguardare - sottolinea sempre Coldiretti - un patrimonio regionale culturale, ambientale ed economico storico con ulivi su oltre 18mila ettari di terreno molti situati sui tipici terrazzamenti, con varietà pregiate uniche al mondo come la taggiasca", conclude. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gatti rubati e bolliti vivi per vendere la carne ai ristoranti. La denuncia degli animalisti

  • Trump 'grazia' il vino e la pasta italiani: no a nuovi dazi. Colpo a Francia e Germania

  • Agrumi infetti da Sud America e Cina, 7 casi intercettati prima dell'ingresso in Italia

  • Estate da record per le tartarughe, boom di nidi di caretta caretta

  • Così l'Europa inonda l'Africa con il suo finto latte, che sta distruggendo gli allevamenti locali

  • Il bonus per i clienti salta ma ci sono 5mila euro per i ristoranti che comprano italiano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgriFoodToday è in caricamento