rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Attualità

Il triste destino di 800 mucche bloccate sulla nave 'Karim Allah' che nessuno vuole: saranno abbattute

Sta per terminare l’odissea nel Mediterraneo dei bovini spagnoli in viaggio da dicembre. Secondo i veterinari le loro condizioni sono terribili, per questo l’eutanasia sarebbe l’unica soluzione, ma i gestori della nave si oppongono

Ben 864 bovini che hanno trascorso mesi alla deriva nel Mediterraneo, senza che nessuno permettesse alla nave su cui si trovano di ormeggiare, stanno per essere abbattuti dalle autorità spagnole. Questo perché secondo un rapporto confidenziale dei veterinari del governo di Madrid, questi animali non sarebbero più idonei al trasporto. Le mucche destinate alla macellazione sono state tenute in condizioni “infernali”, secondo un attivista dei diritti per gli animali, a bordo della nave Karim Allah, ormeggiata nel porto spagnolo di Cartagena. Diverse organizzazioni animaliste, come Eurogroup For Animal, hanno chiesto di trovare una soluzione per salvare la vita delle bestie.

La triste avventura dei bovini

La spedizione era partita a metà dicembre dalla Spagna insieme a quella della nave Eibek, che aveva un carico di circa 1800 animali. Entrambe le navi sono state respinte da vari Paesi, tra cui la Turchia e la Libia, a causa del timore che gli animali avessero una malattia chiamata febbre catarrale degli ovini, che provoca zoppia e emorragia tra i bovini, ma non colpisce gli esseri umani. Per questo, non avendo trovato acquirenti per il carico, le due imbarcazioni sono state costrette a tornare in Spagna. Tuttavia, come spiega il Guardian, secondo il regolamento spagnolo il bestiame non può rientrare nell'Ue dopo aver tentato di entrare in Libia ed essere stato respinto per sospetta malattia. “Le autorità spagnole hanno indicato che inizieranno ad uccidere il bestiame della Karim Allah", ha detto Miquel Masramón, un avvocato che rappresenta Talia Shipping Line, la compagnia che gestisce la nave, che però è di proprietà della Khalifeh Livestock Trading, entrambe con sede in Libano. In una dichiarazione il ministero dell'agricoltura spagnolo ha indicato che se il Karim Allah non avesse cominciato a "isolare e macellare gli animali in conformità con le norme applicabili" lo avrebbe fatto il ministero.

Il rapporto dei veterinari

Sia il direttore della Talia Shipping Line, Majed Eid, che l’avvocato Masramón hanno detto che avrebbero contestato questa decisione. Il loro obiettivo, dicono, è quello di consentire al bestiame il tempo di guarire e poi trovare un nuovo acquirente. Dal rapporto dei veterinari spagnoli si evince che già 22 mucche sono morte durante il viaggio e che sono state fatte a pezzi e gettate fuori bordo. Secondo la relazione gli animali avrebbero sofferto per il lungo viaggio, quindi sono in cattive condizioni e si sono ammalati. Per questo, secondo gli esperti, l'eutanasia sarebbe la cosa migliore per la loro salute e benessere. Tuttavia, l’avvocato Masramón vorrebbe ottenere un nuovo rapporto ed è intenzionato a mandare un veterinario a bordo della nave per "ispezionare gli animali e rispondere al rapporto delle autorità spagnole ma il problema è ottenere l'approvazione ufficiale per entrare nel porto". Nonostante l’opposizione dei gestori della nave sembra che i preparativi per uccidere il bestiame siano iniziati. Masramón ha inviato al Guardian un video in cui si vede una rampa che scende dalla nave verso una serie di contenitori di metallo allineati lungo la banchina. "Nel video si vedono dei contenitori chiusi che non sono per il bestiame vivo", ha detto Masramón. "Non abbiamo informazioni ufficiali, ma pensiamo che scaricheranno gli animali e li uccideranno con armi elettriche”, ha aggiunto l’avvocato.

Anche la seconda nave torna in Spagna

Sembra che anche l'Elbeik sia sulla via del ritorno, anch’essa con destinazione Cartagena. Il rientro della nave è stato confermato dal capo veterinario del governo cipriota, Christodoulos Charalambous Pipis, che l’ha monitorata dopo che ha trascorso diversi giorni al largo della costa settentrionale di Cipro, fuori dal porto di Famagosta. "Secondo le nostre informazioni il capitano della nave ha dichiarato che la nave tornerà in Spagna molto presto", ha detto il veterinario.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il triste destino di 800 mucche bloccate sulla nave 'Karim Allah' che nessuno vuole: saranno abbattute

AgriFoodToday è in caricamento