Burger King lancia l’hamburger veg: “Mercato della ‘finta’ carne supererà 100 miliardi in 10 anni”

Analisti di mercato prevedono il boom del settore “meat free” grazie alle scelte dei consumatori, sempre più preoccupati per la salute di se stessi e del Pianeta. I fast food non perdono tempo e cambiano il menù su scala mondiale

Vale la pena investire sulla carne “veg”? La risposta arriva da Burger King, una delle più grandi catene di fast food su scala globale, che ha deciso di lanciare anche in Europa l’hamburger senza carne. Prodotto dall'azienda olandese The Vegetarian Butcher, il Rebel Whopper sarà il gemello vegano del classico Whopper, fatto con carne bovina. Quella del gigante dei fast food è solo l’ultima di una lunga serie di mosse di mercato volte ad allargare l’offerta della ristorazione di massa alle nuove diete di tendenza, che escludono o limitano il consumo di carne, e dall’attivismo ambientalista delle giovani generazioni. 

Domanda e offerta di carne veg

All’allevamento del bestiame vengono infatti rimproverate le enormi emissioni di gas serra nell’atmosfera, tra le principali cause del riscaldamento globale. E mentre l’industria della carne, quella “vera”, cerca di correre ai ripari rendendo più sostenibile la filiera dall’allevatore al consumatore, le grandi multinazionali si stanno già muovendo per colmare un vuoto di mercato finora riempito da startup innovative del settore alimentare. 

Chi produce gli hamburger senza carne

Fondata dall’allevatore di nona generazione Jaap Korteweg, The Vegetarian Butcher è stata acquisita dal gigante Unilever, proprietaria di 400 marchi tra cui Lipton, Knorr, Calvé e tante altre. Secondo JPMorgan il mercato delle carni ‘veg’ sfonderà quota 100 miliardi di dollari nei prossimi 10 anni, mentre Barclays quantifica il nuovo business nell’ordine dei 140 miliardi. 

La concorrenza

Nestlé ha già un hamburger di proteine di soia e grano che si trova, dalla fine di settembre, sugli scaffali dei supermercati europei e statunitensi. Anche McDonald's si è attrezzato: dopo aver sperimentato ad aprile un Big Vegan in Germania, in collaborazione con Nestlé, ha testato dalla fine di settembre un cheeseburger senza carne in Canada, che però non è ancora in fase di commercializzazione su larga scala. 

Secondo un recente studio della società di consulenza Deloitte, “il tempo in cui i prodotti alternativi (alla carne e ai latticini) appartenevano a un mercato di nicchia è finito”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ricorso all'Ue contro la legge che vieta di chiamare 'burger' e 'salsicce' i prodotti vegan

  • Polvere di roccia sui campi agricoli per eliminare la CO2. L’idea degli scienziati per ripulire l’aria

  • Le Alpi si tingono di rosa, un'alga colora la neve ma la fa anche sciogliere prima

  • Focolai di Covid-19 negli allevamenti in Olanda: migliaia di visoni abbattuti

  • Anche in Austria i macelli diventano focolai di coronavirus

  • La Lega accusa il M5s: "Vuole una tassa Ue sulla 'nduja". La replica: "Tutto falso"

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento