La catena di fast food più diffusa al mondo? Non è McDonald's

Nella Giornata mondiale dell'hamburger, è inevitabile il pensiero alla storica catena che ha portato nel globo uno stile di consumo alimentare nato e sviluppato negli Stati Uniti. Ma oggi lo scettro di marchio con più punti vendita nel Pianeta non è della multinazionale dei due archi dorati

La Giornata mondiale dell'hamburger si celebra in tutto il mondo il 28 maggio. Un panino diventato il simbolo dei fast food, emblema della cultura Usa oramai diffusi in tutto il globo. 

Il primo ristorante di questo tipo è stato fondato nel 1921 a Whichita, in Kansas. White Castle è infatti il primo fast food americano che si può chiamare con questo nome. Ma fu con l'avvento di McDonald's e di altre catene nei decenni successivi che l'idea del fast food divenne sempre più popolare nella società americana e poi in quella mondiale. 

Se McDonald's ha avuto il merito di far conoscere al globo i fast food, non è al marchio dei due archi d'oro che spetta lo scettro di catena con più punti vendita al mondo. In questa infografica la crescita delle varie catene di fast food dal 1971 al 2019. A svettare è Subway con 42.431 negozi, seguito da McDonald's con 37.200 e Starbucks con 28.218.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scoperto nei maiali in Cina nuovo virus “con potenziale pandemico per l’uomo”

  • I britannici temono l'arrivo di pollo al cloro e carne agli ormoni dagli Usa dopo la Brexit

  • “Mangiate meno formaggio”, la 'rivoluzione' francese per il bene del clima

  • Così le banche dello sviluppo sostengono massicciamente gli allevamenti intensivi

  • La Malesia denuncia l'Ue al Wto: “Lo stop all’olio di palma danneggia la nostra economia”

  • Le condizioni di lavoro nei macelli li rendono possibili focolai di coronavirus

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento