"La pizza a colazione meglio di latte e cereali", il consiglio della nutrizionista Usa

Secondo Chelsey Amer una fetta media con verdure e poco formaggio conterrebbe le stesse calorie, ma più proteine. Ed eviterebbe la sensazione di vuoto allo stomaco a metà mattinata

La teoria non è nuova, ma di recente sta catturando l'attenzione dei media europei, come il belga Le Soir: una fetta media di pizza potrebbe essere sostituire una classica colazione a base di latte e cereali. Avrebbe le stesse calorie, ma sarebbe più nutriente. A sostenerlo è la nutrizionista statunitense Chelsey Amer.

Secondo Amer, i cereali sono spesso sopravvalutati: molti di quelli venduti al supermercato avrebbero a suo giudizio un doppio problema nutrizionale: sono troppo ricchi di sale e il loro indice glicemico è spesso troppo alto. Risultato? Subito dopo aver fatto colazione, avrai un picco glicemico che ti darà energia, ma sarà rapidamente seguito da un abbassamento che ti darà quella sensazione di vuoto allo stomaco che spesso si ha a metà mattinata.

Per la nutrizionista, questo problema puo' essere risolto sostituendo i cereali con una fetta media di pizza. A patto pero' che questa contenga poco formaggio e sia condita con delle verdure. Un pezzo di pizza del genere avrebbe la stessa quantità di calorie della tazza di cereali, ma con un volume molto più grande di proteine. E proprio questo contenuto più alto di proteine eviterebbe il rapido ritorno della fame prima di pranzo. Altra precisazione di Amer: non mangiare la pizza surgelata, ma quella fatta in casa. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Ue vieta un pesticida anti-cimice asiatica: "Uccide le api"

  • "La mafia 'agricola' vale 24,5 miliardi"

  • Le diete scorrette hanno provocato 98mila morti in un anno. Più del fumo

  • "Ue vieti additivo E171 per caramelle e sughi, mette a rischio la salute"

  • Batteria contro semaforo, la controffensiva italiana al bollino rosso su Grana e crudi

  • “Etichette Ue per scoraggiare consumo di grassi trans, olio di palma e zucchero”

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento