Falso made in, Italia e Francia uniscono le forze al Tour

Nel corso della più importante gara ciclistica al mondo, le organizzazioni agroalimentari dei due Paesi raccoglieranno le firme per la campagna Eat Original

La petizione europea per ottenete norme Ue che tutelino maggiormente i prodotti agroalimentari locali dalle falsificazioni e aumentino la consapevolezza dei consumatori su quello che mangiano, sbarca al Tour de France. Le organizzazioni del settore di Francia e Italia hanno unito le forze per raccogliere le firme della petiazione "Eat original" durante la terza tappa della gara ciclistica più famosa al mondo. L’iniziativa è stata organizzata dalla Fnsea francese insieme alla Coldiretti.

"Italia e Francia – sottolinea la Coldiretti - sono i due Paesi europei con la maggiore tradizione culinaria". La petizione europea Eat original! Unmask your food (Mangia originale, smaschera il tuo cibo) per chiedere alla Commissione Ue di agire sul fronte della trasparenza e dell’informazione al consumatore sulla provenienza di quello che mangia, ricorda la Coldiretti, è stata autorizzata dall'Ue e "gode del sostegno di numerose organizzazioni e sindacati di rappresentanza". Oltre a Coldiretti e Fnsea (il maggior sindacato agricolo francese), ci sono Ocu (la più grande associazione di consumatori spagnola), Solidarnosc (storico e importante sindacato polacco), Upa (l’Unione dei piccoli agricoltori in Spagna), Slow Food, Fondazione Univerde e Gaia (associazione degli agricoltori greci). 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Storico ritorno della bistecca sulle tavole degli italiani"

  • Al Sud lavoro in agricoltura per 22mila giovani, ma 3 su 4 vengono respinti

  • Da cibo a farine per allevamenti, è il “pesce sprecato”

  • Amazzonia: più 68% di deforestazione, libero scambio Ue-Mercosur a rischio 

  • In Europa aumentano gli integratori contraffatti, rischi per la salute

  • La siccità preoccupa l'Europa. Ed è colpa anche dei governi

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento