menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Per un Natale ecologico scegli alberi veri, ciclamini e stelle made Italy": l'appello di Confagricoltura

L'organizzazione degli agricoltori invita a sostenere il comparto florivivaistico italiano, che vale 2,5 miliardi, ma che fa i conti con le pesante perdite dovute alla pandemia. Un appello anche a favore dell'ambiente: "Gli abeti naturali inquinano decisamente meno di quelli di plastica"

Non hai ancora fatto l'albero e addobbato casa per Natale, e vuoi una opzione ecologica e, in questi tempi di crisi, solidale con i produttori italiani? In questo caso, il consiglio è di scegliere abeti veri, stelle e ciclamini provenienti dalle tane imprese florovivaistiche del Belpaese. O meglio, questo è l'invito lanciato da Confagricoltura.

“Mai come quest’anno – rimarca Francesco Mati, presidente della Federazione florovivaistica di Confagricoltura – c’è bisogno che le prossime festività ci portino buonumore, calore e speranza. Un albero di Natale vero è l’unico che fa atmosfera. Ed è coltivato esclusivamente per l’uso natalizio, senza l’utilizzo di prodotti nocivi per l’ambiente”.

Come "dice la ricerca di settore, nel ciclo di produzione dell’abete, l’impronta del carbonio – la cosiddetta carbon footprint – è ampiamente positiva, mentre non lo è affatto, anzi è alquanto impattante, nella produzione di alberi di Natale di plastica", continua Mati. “Anche a Natale – conclude – conta ogni azione per contribuire a migliorare la qualità della vita, la nostra salute e sostenere un comparto essenziale per l’economia italiana”.

Il florovivaismo ha un fatturato che supera i 2 miliardi e mezzo di euro e un export che sfiora il miliardo. Particolarmente provato dalla pandemia, il settore conta sul periodo natalizio, che rappresenta circa il 15% degli affari delle imprese del settore. Quest’anno i vivaisti di Confagricoltura consigliano l’Abete Normandiano o l’Excelsa (abete rosso). Per quanto riguarda le Stelle di Natale, oltre al rosso e il bianco, i floricoltori propongono l’arancione, colore simbolo di allegria e felicità. Anche l’acquisto in un vivaio o garden center può diventare sostenibile "se si sceglie di farlo non lontano da casa, alimentando così l’economia locale”, sottolinea l'organizzazione degli agricoltori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L’export agroalimentare italiano sempre più sostenibile

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgriFoodToday è in caricamento