menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Caporalato, l'Europol scopre 180 vittime in tutta l'Ue

In una serie di operazioni condotte nel settore agricolo e che hanno riguardato Bulgaria, Cipro, Francia, Italia, Portogallo, Spagna e Paesi Bassi. Arrestati 17 sospetti

Il caporalato non è solo un fenomeno italiano: oggi l'Europol ha reso noto l'esito di una serie di operazioni avvenute in 7 Paesi Ue e che hanno portato all'individuazione di 180 vittime di tratta e sfruttamento nelle aziende agricole. Insieme all'Italia, hanno partecipato alle operazioni anche le forze dell'ordine di Spagna, Francia, Paesi Bassi, Cipro, Bulgaria e Portogallo.

"Nel settore agricolo, i criminali spesso reclutano le loro vittime nei Paesi di origine delle vittime e le portano in un altro Paese per farle lavorare trattndoli come schiavi moderni. Di solito, le vittime provengono da regioni più povere e sono costrette a lavorare per lunghe ore per un salario basso o a volte persino pari a zero", si legge in una nota dell'Europol. "I cittadini dell'Ue sono per lo più sfruttati nel settore agricolo tutto l'anno, mentre i cittadini extracomunitari sono impiegati nella produzione stagionale", si legge ancora. Nelle operazioni, sono state arrestate 17 persone. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgriFoodToday è in caricamento