Ben due italiani su tre vanno meno al ristorante a causa del coronavirus

A spingere le persone a rinunciare a una cena fuori soprattutto la paura del contagio ma anche la crisi economica che si fa sentire in maniera forte e l'insofferenza per le nuove regole

Foto Ansa, Angelo Carconi

In parte a causa della crisi economica dovuta alla pandemia di coronavirus che morde, in parte per la paura del contagio o l'insofferenza verso le regole del social distancing, fatto sta che gli italiani fanno sempre meno al ristorante e in tanti preferiscono le consegne a domicilio di cibo.

È quanto emerge da un sondaggio condotto da IZI in collaborazione con Comin & Partners, sulle abitudini degli italiani rispetto alla ristorazione nel post lockdown, secondo cui due italiani su tre (64%) dichiarano di andare meno al ristorante rispetto al periodo precedente alla diffusione del coronavirus. Solo il 32% continua ad andare a cena fuori come prima, mentre per un’esigua percentuale (4%) la frequentazione dei ristoranti è aumentata. In particolare, due terzi degli italiani cenano fuori, mediamente, il 61% in meno rispetto al pre Covid.

L’indagine, da un lato, conferma le difficoltà del settore e, dall’altro, rivela l’esigenza di un ripensamento del comparto alla luce dell’aumento del fenomeno del food delivery.   Se prima del Covid oltre il 40% degli italiani amava andare al ristorante in gruppo, con amici o colleghi, oggi questa percentuale è scesa al 31%, a testimonianza del fatto che ciò a cui si rinuncia di più sono i momenti di maggiore convivialità. È aumentato, piuttosto, il numero degli italiani che va a cena fuori da solo o in coppia, passando dal 35% al 44%. In crescita del 3% anche la percentuale degli italiani che va al ristorante con la propria famiglia, al massimo però con soli quattro parenti.   Dal sondaggio emerge anche che gli italiani vanno meno al ristorante principalmente per il timore del contagio (55%) e a seguire a causa di difficoltà economiche (25%). Pesano, tuttavia, per il 20%, anche le restrizioni imposte ai ristoranti.

Una volta terminata l’emergenza, per oltre la metà degli italiani (54%) la situazione relativa alla frequentazione dei ristoranti rimarrà invariata rispetto ad oggi, mentre per un quarto (24%) subirà un ulteriore calo. Il 21% del campione intervistato si dichiara invece ottimista e crede che, superato questo difficile momento, andrà addirittura di più al ristorante rispetto al pre Covid.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma quali saranno le principali tendenze che influiranno, in futuro, sul settore della ristorazione? L’indagine analizza, in particolare, com’è variata la propensione degli italiani al food delivery e rileva che, a seguito del Coronavirus, per il 38% è aumentata mentre per il 39% è rimasta come prima.   Per circa tre italiani su quattro (73%), inoltre, con il passare dell’emergenza il ricorso alla consegna di cibo a domicilio rimarrà invariato, rispetto ad oggi, mentre per quasi il 20% del campione intervistato aumenterà.   Dati, questi ultimi, che indicano come la modalità del food delivery sia destinata a consolidarsi, imponendo quindi al settore della ristorazione un ripensamento complessivo sulle nuove priorità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "La caccia al cinghiale favorisce la peste suina", animalisti contro il piano del governo

  • Lo strano caso della strage delle foche in Namibia, sulla costa spiaggiati 5mila feti morti

  • Un milione di persone si impegnano a partecipare al 'gennaio vegano' di Phoenix e McCartney

  • Cannabis, Parlamento Ue innalza limite legale di Thc. Festeggia il comparto della canapa industriale

  • Gli hamburger vegani o di finta carne potranno chiamarsi hamburger: Parlamento Ue boccia tutte le restrizioni

  • Carne, latte e legna gratis, così la Nuova Zelanda senza stagionali prova ad attirare allevatori locali

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgriFoodToday è in caricamento