Lunedì, 20 Settembre 2021
Lavoro

L'Italia contenta della nuova Pac: “Progressi su pagamenti diretti e politiche Green”

Il ministro dell'Agricoltura Patuanelli: "Architettura verde sarà basata su condizioni ambientali che gli agricoltori devono rispettare e su misure volontarie supplementari"

"Importanti passi avanti sono stati raggiunti sugli aspetti climatico-ambientali con particolare riferimento al sostegno finanziario per strumenti di gestione del rischio che potranno utilizzare fino al 3% dei pagamenti diretti e dei fondi dello sviluppo rurale". A sottolinearlo è il ministro delle Politiche agricole Stefano Patuanelli al termine del Consiglio Agrifish Ue di Lussemburgo che ieri ha dato il via libera definitivo alla proposta di riforma della Politica agricola comune post 2020.

"La nuova architettura verde, uno dei punti più discussi all'interno dell'intero pacchetto, sarà basata su condizioni ambientali che gli agricoltori devono rispettare e su misure volontarie supplementari nel quadro di entrambi i pilastri; un approccio basato sull'efficacia in base al quale gli Stati membri devono riferire annualmente in merito ai progressi compiuti", ha spiegato. Il compromesso, ha poi continuato, "prevede la definizione di agricoltore attivo obbligatoria, il pagamento redistributivo obbligatorio al 10%, salvo deroghe specifiche, lo schema per i piccoli agricoltori facoltativo e il livello di convergenza interna dei pagamenti diretti ad almeno l'85% del livello medio dei pagamenti diretti entro il 2026. Per gli aiuti accoppiati è stato mantenuto lo stesso livello del 13%+2% dei pagamenti diretti".

Il ministro ha espresso soddisfazione per il mantenimento del quadro di sostegno finanziario a favore delle nostre produzioni mediterranee quali il settore vitivinicolo, ortofrutticolo e dell'olio di oliva.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Italia contenta della nuova Pac: “Progressi su pagamenti diretti e politiche Green”

AgriFoodToday è in caricamento