Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dal campo (italiano) alla tavola, Findus: "Ecco il nostro minestrone sostenibile"

Filiera corta, trasparenza e prodotti 100% tricolore: viaggio nello stabilimento della multinazionale di Cisterna di Latina

 

Quello che si cela dietro i minestroni e gli altri prodotti agroalimentari surgelati è spesso oggetto di misteri e polemiche. Lo sanno bene soprattutto le multinazionali come Nomad Food, da noi meglio conosciuta come Findus. Che proprio per far fronte a questi rischi ha deciso di puntare tutto su filiera corta, massima trasparenza nei confronti del consumatore e prodotti 100% italiani. Il primo risultato è il nuovo Minestrone Tradizione, realizzato nello stabilimento di Cisterna di Latina, che sarà composto solo di verdure italiane provenienti dall’agro pontino, dalla piana del Fucino, da Puglia, Marche, Abruzzo, Calabria e Liguria. Steven Libermann, general manager di Findus Italia, spiega: “Entro i prossimi 7 anni tutti i nostri prodotti ittici e i nostri vegetali saranno approvvigionati in modo responsabile; il nostro impegno è portare sulle tavole dei consumatori prodotti sani e nutrienti per favorire scelte alimentari corrette. Allo stesso tempo vogliamo migliorare l’impatto sull’ambiente delle nostre produzioni e stiamo mettendo in atto una serie di operazioni che ci porteranno a ridurre le emissioni di co2 e ad adottare un packaging interamente riciclabile per i nostri prodotti entro il 2022, già oggi lo sono il 70% delle nostre confezioni”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento