rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Salute

Sconfiggere le emicranie con le verdure a foglie scure. Un uomo ci è riuscito

Dopo anni di sofferenze, i mal di testa sono spariti grazie alla dieta a base vegetale Life. Occorrono più dati per verificare la relazione. Oltre un miliardo di persone ne soffrono

Dopo aver sofferto per 12 anni di emicranie croniche, un uomo se ne è liberato grazie ad una dieta a base vegetale, assumendo in particolare molte verdure a foglie scure. La storia è stata rivelata dalla rivista BMJ Case Reports. Pur trattandosi di un caso isolato, potrebbe fornire indicazioni importanti sul rapporto tra questa malattia e l'alimentazione. Le emicranie dell'uomo, un sessantenne degli Stati Uniti di cui non è stata rivelata l'identità, avevano reso impossibile la sua vita. "Prima soffrivo da sei a otto emicranie debilitanti al mese, ognuna delle quali durava fino a 72 ore”, ha dichiarato il paziente. Dopo aver provato vari metodi, inclusi yoga, meditazione e l'eliminazione di alcuni alimenti, all'uomo è stato consigliato di adottare una dieta basata su cibi scarsamente infiammatori (Low inflammatory foods everyday - Life), densa di verdure a foglia verde scuro, crude o cotte, ogni giorno, e frullati. Prevede inoltre un uso molto limitato di cereali integrali, verdure amidacee (come tuberi, mais, piselli), oli, e proteine animali, in particolare latticini e carne rossa. A pochi mesi dall'adozione di un nuovo stile alimentare, le emicranie si sono diradate fino a sparire del tutto negli ultimi sette anni.

Le verdure a foglie scure sono ricche di vitamine liposolubili, come A, E, K e D, e richiedono un grasso dietetico come l’olio extra vergine di oliva per un corretto assorbimento.Nella categoria sono incluse: lattuga, spinaci, bietole, rucola, scarola, tarassaco (o dente di leone), cavolfiore, cavoli, foglie di senape. 

Dolorose e debilitanti, le emicranie affliggono oltre un miliardo di persone nel mondo. Esistono farmaci che possono aiutare nella prevenzione e nel trattamento, ma non sempre risultano efficaci. I medici statunitensi di questo paziente hanno suggerito che potrebbe valere la pena adottare una dieta a base vegetale per alleviare i sintomi dell'emicrania cronica. Passare attraverso l'alimentazione potrebbe inoltre evitare alcuni effetti indesiderati legati ai farmaci. Trattandosi di un caso isolato, altri esperti indipendenti consigliano di non generalizzare la scoperta e di analizzare varie soluzioni per risolvere i problemi di emicrania. “La dieta può giocare un ruolo importante nella gestione di molte malattie, e alcuni alimenti sono noti per innescare l'emicrania”, ha commentato al Guardian Gunter Kuhnle, professore di nutrizione e scienza dell'alimentazione all'Università di Reading, che non era coinvolto nel caso, specificando però: "Questo è un case report e quindi è impossibile generalizzare la scoperta. L'emicrania è una condizione debilitante ed è importante trovare modi per trattarla e gestirla”. Anche altri esperti hanno sottolineato l'impossibilità di confrontare i dati offerti dal caso specifico con altre ricerche. La scomparsa delle emicranie potrebbe essere un effetto dell'assunzione quotidiana di verdure a foglie scure o più in generale di un'attitudine alimentare differente, povera di proteine animali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sconfiggere le emicranie con le verdure a foglie scure. Un uomo ci è riuscito

AgriFoodToday è in caricamento