rotate-mobile
Domenica, 3 Luglio 2022
Smart&Green

Immaginare il futuro a contatto con il verde, così l'agricoltura valorizza le persone

Rigenerare, dare valore alla gente: è il lavoro svolto dalla cooperativa "Il germoglio" di Piacenza, che già dagli anni '80 offre occupazione a persone svantaggiate, quando gli strumenti del welfare erano completamente assenti

PIACENZA - Il germoglio è una cooperativa sociale ONLUS d’inserimento lavorativo per persone svantaggiate, che opera principalmente nel settore floro-vivaistico, giardinaggio e servizi di igiene ambientale.

A farne parte sono soprattutto persone disabili, ma anche in stato di detenzione, con problemi di tossicodipendenza o alcolismo. Svolge, quindi, un ruolo importante nell'ottica di rigenerare l'individuo e/o includerlo nella società tramite il lavoro. 

Una realtà visionaria

"La nascita de Il germoglio risale al 1981 al fine di offrire opportunità ed impegnare i ragazzi disabili, quando il welfare non esisteva" afferma Mariano Cobianchi, presidente della cooperativa. 

"I primi passi sono stati mossi con un contratto di comodato d'uso gratuito che ha dato il via ad una fattoria in cui inizialmente si produceva ortofrutta e allevamento avicunicolo - Prosegue - Con il passare del tempo le produzioni sono cambiate, avendo sviluppato principalmente il settore floreale". 

"Con la nostra bottega - fondata agli albori della cooperativa e riaperta nel 2003 - vendiamo prodotti biologici sin da quando questo settore non andava di moda. Inoltre offriamo prodotti a chilometro zero, avendo sempre fatto lavorare gli agricoltori del posto".

"La sfida della cooperativa è ancora più impegnativa in questi anni di crisi economica diffusa, segnati dalla pandemia. Inserire in organico persone con maggiori fragilità, pur riuscendo ad essere impresa competitiva - sul mercato delle aziende profit - è stato possibile solo grazie alle competenze acquisite negli anni sui vari campi d’intervento" si legge sul sito de Il germoglio

Tra Europa ed amministrazioni territoriali

"Svolgiamo l'attività di fattoria didattica che consente ai bambini di visitare le varie realtà produttive e partecipare attivamente a laboratori" racconta il presidente della cooperativa. 

"Avevamo deciso di dare un segno alla città aprendo anche un parco giochi a titolo gratuito. La nostra visione sarebbe dovuta culminare con l'istituzione di un asilo-fattoria, da realizzarsi grazie ad alcuni fondi europei messi a disposizione. Il progetto - poi - non è decollato perché la politica territoriale non ci ha assistiti: per mettere in pratica i fondi era necessaria una convenzione con il settore pubblico che non è arrivata". 

"Stiamo comunque tentando di proseguire questa idea - conclude - perché rappresenterebbe il completamento dell'offerta che propone Il germoglio".

disclaimer DEF-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Immaginare il futuro a contatto con il verde, così l'agricoltura valorizza le persone

AgriFoodToday è in caricamento