Ceta, il governo potrebbe cambiare idea: “Se serve a aziende...” 

Il ministro Centinaio, in quota Carroccio: “Stiamo facendo un ragionamento molto razionale”. Ma rischia di aprire fronte con gli alleati del M5s  

Dopo il Tav, potrebbe aprirsi un altro fronte di polemiche tra Lega e M5s. Il ministro dell'Agricoltura, Gianmarco Centinaio, in quota Carroccio, ha infatti aperto la porta a un possibile ripensamento sul no annunciato dal governo gialloverde alla ratifica dell'accordo commerciale tra Ue e Canada, il Ceta. A margine di un incontro con il commissario europeo Philip Hogan, Centinaio ha detto che l'esecutivo “resta tendenzialmente contrario all'accordo Ceta”, ma "se serve alle aziende italiane siamo pronti a cambiare idea”. 

Parole che cozzano con la posizione intransigente del Movimento 5 stelle: “L’Italia ha l’occasione storica di cambiare l’Europa dicendo no al Ceta e bloccando la sua ratifica ufficiale”, ha ripetuto di recente l'eurodeputata M5s Tiziana Beghin. Per il M5s, l'accordo con il Canada è un danno soprattutto per i prodotti agroalimentari italiani: “Il Ceta ha premiato il falso made in Italy in Canada, dove il Parmesan la fa da padrone contro il Parmigiano Reggiano, e dove continuano a circolare copie di Asiago, di Mozzarella e di Fontina – aggiunge Beghin - Non un grande successo per l’export italiano, quindi, ma una grande vittoria per i canadesi: la crescita delle esportazioni italiane è calata del 4%, mentre quella dei prodotti canadesi in Italia (escluso il grano) è salita del 23%”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una posizione che finora è stata condivisa dalla Lega e da una parte del settore, come Coldiretti. Ma non tutto il mondo agroalimentare italiano è d'accordo sui mali del Ceta. Centinaio lo sa bene e anche per questo, spiega, “stiamo facendo un ragionamento molto razionale: siamo partiti da un 'no' assoluto e siamo arrivati a un ragionamento con il mondo imprenditoriale italiano, soprattutto alimentare. Ci siamo detti di far passare un po' di tempo e vediamo dopo un anno e mezzo cosa succede, facciamo il punto e vediamo se eè conveniente e serve alle aziende. Io penso chi non cambia idea o è un po' ignorante o è un po' arrogante. Se i numeri mi dicono che serve alle aziende italiane allora io sono pronto a cambiare idea", ha concluso. I 5 stelle saranno d'accordo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bellanova: Giusto che il bonus ristorazione vada solo a chi acquista Made in Italy

  • Industria dello champagne in ginocchio: "Crisi peggio della Grande Depressione"

  • Dopo 400 anni dall'estinzione nel Regno Unito torneranno i castori

  • Con Xylella e afa il Salento brucia: da metà giugno 1.400 incendi

  • Latte vaccino A2 toccasana per la dieta degli anziani

  • Controlli sul falso miele, in oltre l'8% dei casi trovati prodotti contraffatti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgriFoodToday è in caricamento