Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La lotta al Covid si fa anche col tabacco: dalle sue piante una molecola per test sierologici e vaccino

Al Dipartimento di Biotecnologie dell'Università di Verona c'è chi studia degli anticorpi per il coronavirus partendo da questa specie vegetale considerata, per via del fumo, dannosa per la salute. Invece potrebbe aiutare anche nella lotta contro il diabete autoimmune e l'artrite reumatoide

 

Tra i laboratori e le serre del dipartimento di Biotecnologie dell'Università di Verona c'è chi studia tra le piante di tabacco. Si chiama Diamante ed è una start-up e spin-off dell'università veronese basata sulla diagnositca che oggi però si sta ampliando anche ad altri fronti. il gruppo di ricerca sta spostando l'attenzione, in seguito all'emergenza sanitaria. da campi come il diabete autoimmune e l'artrite reumatoide allo studio del Coronavirus.

Si studia una molecola trasportata dalle foglie delle piante di tabacco e che pare già essere all'opera in Cina per un possibile futuro vacccino. Ecco cosa ci ha raccontato il questa video intervista Linda Avesani, professoressa di Genetica Agraria all'Università di Verona.

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento