"Su Ogm e pesticidi paure infondate, Ue ascolti la scienza", l'attacco Usa

Il segretario di Stato americano per l'Agricoltura critica l'approccio europeo, ritenuto troppo influenzato dall'opinione pubblica. La Casa Bianca critica anche le prime bozze della nuova Pac: "Stato sociale nel settore agricolo"

“Quando si tratta di cibo, dobbiamo prendere decisioni politiche basate su solide scienze” senza ascoltare “ong che sono qui fuori a spargere paura”. L’invito arriva da Sonny Perdue, segretario di Stato americano per l’Agricoltura, che ieri a Bruxelles ha incontrato il suo omologo europeo Janusz Wojciechowski, la commissaria alla Salute, Stella Kyriakides, e il commissario al Commercio, Phil Hogan.

Il dibattito sulle biotecnologie 

Parlando con un gruppo di giornalisti, il politico americano del Governo guidato da Donald Trump ha assicurato che i responsabili politici dell'Ue non sono degli sprovveduti in materia di sfide globali del settore agricolo. Sull’annosa questione riguardante l’uso di biotecnologie in agricoltura, ben più diffuse e utilizzate negli Usa che in Europa, Perdue prende atto che “chi viene eletto, deve ascoltare l'opinione pubblica”. 

Le regole sugli Ogm

Ciononostante, l’americano invita le autorità europee a “comprendere la loro responsabilità di leader”. Il tema, in effetti, è oggetto di intenso dibattito da quando la Corte di giustizia dell’Ue nel 2018 ha classificato come Ogm gli organismi ottenuti con la tecnica di riproduzione vegetale della mutagenesi. “Dobbiamo prendere decisioni politiche basate su solide scienze quando si tratta di cibo”, sottolinea Perdue, prima di scagliarsi contro le organizzazioni non governative più attive in tema di alimentazione.

L'attacco alle ong

Il segretario Usa all’Agricoltura esprime preoccupazione “riguardo alla capacità di contrastare alcune ong che sono qui fuori a spargere paura” utilizzando un approccio “basato sull’azzardo piuttosto che sul rischio”. “Uso l'esempio del sale da cucina che può essere pericoloso se lo consumi in quantità eccessiva, ma lo usiamo regolarmente”, ha detto l’americano. Secondo Perdue, lo stesso discorso si applica ai pesticidi: “È per questo che abbiamo i livelli massimi di residui”, spiega riferendosi alla legislazione a tutela della salute dei consumatori americani.

Le preoccupazioni sulla nuova Pac

Commentando poi i colloqui in corso sulla futura Politica agricola comune (Pac) dell’Ue per dopo il 2020, Perdue ha espresso preoccupazione per il fatto che il Vecchio Continente stia andando verso “uno stato sociale” in materia di Pac. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Vogliamo sia la sostenibilità ambientale, che la sostenibilità sociale, ma deve esserci anche sostenibilità economica”, ha poi chiarito il rappresentante della Casa Bianca, che poi ha concluso: “Se non hai sostenibilità economica e un settore agricolo, non avrai sostenibilità ambientale o sociale”, ha concluso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Polvere di roccia sui campi agricoli per eliminare la CO2. L’idea degli scienziati per ripulire l’aria

  • Le Alpi si tingono di rosa, un'alga colora la neve ma la fa anche sciogliere prima

  • Ricorso all'Ue contro la legge che vieta di chiamare 'burger' e 'salsicce' i prodotti vegan

  • Focolai di Covid-19 negli allevamenti in Olanda: migliaia di visoni abbattuti

  • Anche in Austria i macelli diventano focolai di coronavirus

  • La Lega accusa il M5s: "Vuole una tassa Ue sulla 'nduja". La replica: "Tutto falso"

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento