Riso, Confagricoltura rilancia: "Ue decida in fretta sul ripristino dei dazi"

"Commissione ascolti preoccupazione del Consiglio e dei nostri risicoltori, che negli ultimi anni hanno subito una riduzione dei prezzi tra il 20 e il 40 per cento”

“Oggi rilanciamo la richiesta alla Commissione di adottare senza ingiustificati ritardi il regolamento per il ripristino dei dazi” sul riso proveniente da Cambogia e Myanmar. Lo ha dichiarato il presidente della Confagricoltura, Massimiliano Giansanti, che già nei giorni scorsi aveva indirizzato una lettera al presidente dell’Esecutivo Ue Juncker, alla vicepresidente Mogherini e ai commissari Malmstrom e Hogan.

Nelle sue conclusioni del 10 dicembre scorso, ricorda Giansanti, il Consiglio Affari esteri dell’Unione europea aveva espresso profonda preoccupazione per le violazioni dei diritti umani in Myanmar, sulla base di un rapporto redatto dal Consiglio dei diritti umani dell’Onu". Nelle conclusioni del Consiglio si sottolinea che “il rispetto dei diritti umani e del lavoro è alla base delle concessioni commerciali accordate dall’Ue.” In assenza di miglioramenti della situazione, le concessioni potrebbero essere sospese".

Lo scorso mese di novembre, in una relazione dei servizi della Commissione Ue è stato indicato che le importazioni agevolate di riso da Myanmar e Cambogia sono passate da 27 mila a 300 mila tonnellate nel periodo 2012-2017, determinando una situazione di gravi crisi dei risicoltori europei. Nello stesso periodo, infatti, le superfici investite nell’Unione si sono ridotte del 40 per cento.

Il 4 dicembre, una proposta di regolamento per il ripristino dei dazi è stata sottoposta all’esame del Comitato “Sistema preferenze generalizzate”, a cui partecipano i rappresentanti della amministrazioni degli Stati membri. Nell’occasione, si è registrata quella che viene definita “l’assenza di parere”. Vale a dire, non è stata raggiunta né una maggioranza qualificata; né una minoranza di blocco.

Sotto il profilo procedurale, la Commissione è abilitata a procedere al varo del regolamento. “Ed è esattamente quello che sollecitiamo a nome dei nostri risicoltori, che negli ultimi anni hanno subito una riduzione dei prezzi tra il 20 e il 40 per cento”, ha concluso il presidente della Confagricoltura, ricordando anche che questa procedura è distinta da quella già in corso per l’applicazione della clausola di salvaguardia e il conseguente ripristino, per un periodo di tre anni, dei dazi sulle importazioni di riso Indica da Myanmar e Cambogia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La misteriosa malattia che sta uccidendo i kiwi italiani

  • È mandorle mania, da 5 anni in Europa l'ingrediente più usato nei nuovi prodotti alimentari

  • Birra e patatine a rischio per il clima, il Belgio in allarme

  • Londra vieta i gruppi di più di sei persone, ma non se si va a caccia

  • "Carne contaminata venduta sul mercato", l'allarme degli ispettori sanitari europei

  • La cannabis no, i grilli sì: il rischio Ue per i cibi alla canapa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgriFoodToday è in caricamento