"Compriamo italiano con il nuovo lockdown": Confagricoltura invita al patriottismo alimentare

Il presidente Giansanti: “Continueremo a lavorare per garantire i rifornimenti, i cittadini sostengano la filiera italiana puntando sulla qualità”. Una iniziativa analoga in Francia a sostegno dei prodotti transalpini

Foto Ansa Riccardo Antimiani

"Acquistate i prodotti agroalimentari italiani". E l'appello rivolto, in una nota ai consumatori, dal presidente di Confagricoltura, Massimiliano Giansanti, alla vigilia delle nuove misure restrittive all'esame del governo e delle Regioni per fermare la diffusione dei contagi da Covid-19. Un analogo invito, spiega Confagricoltura, è stato rivolto nei giorni scorsi dalla federazione dei produttori agricoli francesi Fnsea ai cittadini d'oltralpe, per sostenere il settore agroalimentare nazionale in questo periodo di lockdown.

"Chiediamo anche noi un patriottismo alimentare per sostenere la filiera italiana, puntando sulla qualità. Da parte nostra, continueremo a lavorare per garantire i rifornimenti. Le imprese agricole non si fermano" ha detto Giansanti. "La stretta sull'attività del canale Horeca nel nostro paese e a livello europeo inciderà anche sul giro d'affari dell'agricoltura e dell'industria di trasformazione. In Italia, i consumi alimentari extradomestici ammontano a circa 80 miliardi di euro l'anno e nuove restrizioni sono già state decise in Francia, Germania e Regno Unito, vale a dire i principali mercati di sbocco per il made in Italy agroalimentare", sottolinea Giansanti .

"Durante la prima ondata della pandemia alcuni settori hanno sofferto più di altri per la chiusura di bar e ristoranti non compensata dall'aumento dei consumi domestici. E il caso di vini, ortofrutta di quarta gamma, salumi e carni bovine", ha aggiunto il presidente di Confagricoltura. "L'appello a privilegiare l'acquisto di prodotti italiani è rivolto anche ai centri di acquisto per la ristorazione collettiva (ad esempio ospedali e caserme). Alla grande distribuzione chiediamo di organizzare l'esposizione dei prodotti alimentari in modo da rendere più visibile il made in Italy e agevolare così le scelte dei consumatori. Abbiamo di fronte mesi particolarmente difficili", ha concluso Giansanti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pasta al glifosato: ecco i marchi che la contengono (e quelli da non dare ai bimbi)

  • “Diventa un ‘carnitariano’”: bufera sulla campagna pro-carne sostenuta con fondi Ue

  • Sulla riforma della Pac l'Ue chiede l'aiuto di Greta

  • "Il benessere animale fa bene anche agli allevatori e all'ambiente"

  • Un po' agronomi, un po' braccianti: come robot e droni stanno cambiando il lavoro nei campi

  • Macelli addio? Per la prima volta nei piatti arriva la carne creata in laboratorio

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento