Il cibo italiano conquista l'e-commerce giapponese

L'iniziativa per promuovere i prodotti del Belpaese nella Terra del Sol levante grazie a un accordo con Rakuten

Le immagini della pizza napoletana, delle fettuccine, di salumi e formaggi, della mozzarella, campeggiano sulla pagina web dedicata alla cucina italiana su Rakuten Ichiba, la più importante piattaforma e-commerce del Giappone. L'iniziativa, che annuncia l'imminente "Settimana della Cucina italiana" nel mondo, è la prima azione promozionale realizzata dall'Italia in Giappone nel settore dell'e-commerce e vuole valorizzare i prodotti doc italiani e diffondere presso il pubblico giapponese lo spirito della nostra cucina.

L'occasione da non perdere, scrive l'Ansa, è l'entrata in vigore, all'inizio del 2019, dell'EPA UE-Giappone, che proprio in ambito agroalimentare dovrebbe portare benefici economici interessanti. La pagina, che contiene anche un messaggio dell'Ambasciatore d'Italia a Tokyo, Giorgio Starace, è concepita per permettere al visitatore giapponese di apprendere più possibile sul mondo della nostra cucina e degli ingredienti italiani di alta qualità, con l'obiettivo di raggiungere un pubblico sempre più ampio e variegato.

Sotto il logo "The Extraordinary Italian Taste", sono fruibili dettagliate informazioni in giapponese relative ai nostri prodotti DOP/IGP, sui i principali vini italiani e sul turismo enogastromico in Italia. Inoltre sono scaricabili quattro semplici ricette, preparate appositamente dalla Delegazione in Giappone dell'Accademia Italiana della Cucina, per invogliare i giapponesi a provare a cucinare all'italiana in casa loro. Secondo le statistiche commerciali del ministero delle Finanze giapponese, nel primo semestre del 2018 il valore delle importazioni dell'agroalimentare italiano in Giappone è aumentato dell'8,6%, in maniera analoga alla crescita già registrata nel 2017. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Patatine fritte, l'Ue va alla guerra (commerciale) con la Colombia

  • Tanto lavoro, pochi migranti: il decreto flussi non funziona. M5s: "Va rivisto"

  • L'Efsa contro la strage dei pulcini: sostenere le innovazioni per evitarla

  • "Basta a salse con derivati dal petrolio al posto del tartufo"

  • Mangi poche verdure? “Colpa” di un gene

  • "Mangiare troppi cibi industriali fa male al cuore"

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento