Vino contraffatto, falso olio evo e riso contaminato: la galleria degli orrori da 60 milioni di euro

In appena 5 mesi, le autorità italiane, nell'ambito di un'operazione internazionale, hanno sequestrato 1.867 tonnellate e 30 milioni di litri di alimenti vari risultati irregolari. Tra cui anche prodotti che favorivano l'anoressia

Vino contraffatto, olio di semi spacciato per extra-vergine, riso conservato tra gli escrementi di topo. E ancora sostanze pericolose che favoriscono l'anoressia. Sono questi alcuni dei prodotti scovati dalle autorità italiane, nell'ambito di un'operazione internazionale volta al contrasto del fenomeno della contraffazione e del commercio illecito di beni alimentari. Una vera e propria galleria degli orrori dal valore di 60 milioni di euro. Frutto di appena 5 mesi di indagine.

Già, perché Opson, questo il nome dell'operazione coordinata in 78 Paesi da Europol e Interpol, è iniziata nel dicembre 2018 per concludersi lo scorso aprile. Un breve periodo nel corso del quale i carabinieri dei Nas, che hanno condotto le indagini in Italia, sono riusciti a scoprire e sequestrare 16 mila tonnellate e 33 milioni di litri di prodotti alimentari irregolari e pericolosi. Segno della dimensione del fenomeno e della necessità dei controlli. 

Vino contraffatto

C'è la difesa del made in Italiy di qualità. A Udine, per esempio, è stato scoperto un vasto fenomeno di produzione di vino Dop e Igp ottenuto da uve di varietà diverse da quelle consentite dal disciplinare o prodotte oltre le quantità massime autorizzate. Il Nas di Firenze nell'indagine denominata "Surface" ha eseguito 3 ordinanze di custodia cautelare nei confronti di altrettante persone ritenute responsabili di aver realizzato un circuito di vendita illegale dedito all'immissione sul mercato nazionale e internazionale di vino contraffatto, in quanto imbottigliato con etichette false riferite a vitigni pregiati.

Il falso olio evo

Il Nas di Foggia, invece, ha concluso un'indagine, denominata "Oro giallo", che ha consentito di eseguire 20 misure cautelari (14 in carcere e 6 agli arresti domiciliari) di cui 2 in Germania, nei confronti di altrettante persone ritenute responsabili di aver costituito un'associazione per delinquere dedita alla produzione, al confezionamento e alla vendita di olio extra-vergine di oliva sofisticato. L'organizzazione ha prodotto e commercializzato, mediante la creazione di aziende fittizie, enormi quantitativi di olio extra-vergine di oliva realizzato con olio di semi, addizionato con clorofilla e betacarotene. L'olio contraffatto veniva poi commercializzato nel comparto della ristorazione in Italia e nella grande distribuzione in Germania. 

Riso contaminato

C'è poi il capitolo dei rischi per la salute. I Nas di Torino e Cremona hanno sequestrato, presso 5 distinte aziende agricole, oltre 600 tonnellate di riso contaminato da escrementi di roditori, piume di volatili e, in una circostanza, conservato in promiscuità con materiale di risulta.

Preoccupante, poi, la diffusione del mercato on-line di prodotti anoressizzanti, in particolare del dinitrofenolo, sostanza considerata estremamente pericolosa per la salute a causa degli effetti collaterali: i Nas hanno individuato e bloccato la visione di 3 siti web che offrivano in vendita integratori a base di questa sostanza e altri prodotti vantanti proprietà terapeutiche la cui vendita in Italia non è autorizzata. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Storico ritorno della bistecca sulle tavole degli italiani"

  • Al Sud lavoro in agricoltura per 22mila giovani, ma 3 su 4 vengono respinti

  • Da cibo a farine per allevamenti, è il “pesce sprecato”

  • Amazzonia: più 68% di deforestazione, libero scambio Ue-Mercosur a rischio 

  • In Europa aumentano gli integratori contraffatti, rischi per la salute

  • La siccità preoccupa l'Europa. Ed è colpa anche dei governi

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento