Il gelato artigianale vale 3 miliardi. Italia regina mondiale

A livello globale il fatturato è di 17 miliardi. Il nostro Paese in cima al podio con circa 10mila gelateria specializzate

Quello del gelato artigianale è un business che non si scioglie e che nel nostro Paese vale tre miliardi l'anno. Sono le stime di una indagine di CNA Agroalimentare condotta tra gli iscritti alla Confederazione. A livello mondiale il giro d'affari è stimato in circa 17 miliardi di euro. Centomila sono le gelaterie specializzate aperte da un capo all'altro del pianeta e cinquecentomila gli addetti del settore.

Si tratta, sottolinea l'indagine, di "una crescita continua, negli ultimi anni, favorita dalla patente di prodotto salutare - ovviamente se realizzato con materie prime di qualità e attento a eventuali intolleranze e allergie - da mangiare tutto l'anno e a tutte le ore del giorno, anche come sostituto di un pasto". In questo quadro, emerge che l'Europa continua a primeggiare in questo settore con nove miliardi di giro d'affari, 60mila gelaterie in attività e 300mila addetti.

"Un predominio ancora saldo ma insidiato dal consistente incremento registrato in Asia e nelle Americhe" avverte la Cna Agroalimentare. Disaggregando il dato europeo, l'Italia è in cima al podio, con circa 10mila gelaterie specializzate. A tallonarla (dopo essere stata spodestata tre anni fa) è la Germania, con oltre 9mila esercizi. Seguono, nell'ordine, Francia (4mila), Spagna (2mila) e Polonia (1800).

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La pasta stufa gli inglesi: “Crollo dei ristoranti italiani nel Regno Unito”

  • Ritorno dalla ferie: il vademecum per evitare rischi in frigo

  • Listeriosi, allerta in Spagna. Confagricoltura “La carne italiana è controllata”

  • “Stop alle importazioni dal Canada”, Ue taglia fuori ciliegie e altri frutti del Nord America

  • Strage di maiali in Asia, Fao: “5 milioni uccisi da peste suina”

  • Insetticidi, Commissione Ue pronta a vietare il clorpirifos. Efsa: “Effetti neurologici nei bambini”

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento