menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
EPA/GUILLAUME HORCAJUELO

EPA/GUILLAUME HORCAJUELO

Movimento 5 Stelle: investimenti mirati per salvare i castagneti italiani

La deputata Del Sesto: "Nonostante le misure di contrasto adottate, i dati continuano a essere allarmanti"

Bisogna difendere i castagni dai parassiti arrivati da altri continenti che li stanno mettendo in pericolo. La filiera produttiva delle castagne nell'alto Casertano “è tra le più importanti d'Europa per volumi prodotti, qualità e fatturato”, ma “purtroppo però, il cinipide galligeno del castagno, un insetto originario della Cina, sta mettendo a rischio la produzione e l'intero indotto”, dichiara la deputata e componente M5S della commissione Agricoltura alla Camera Margherita Del Sesto, firmataria di una interrogazione al ministro Centinaio. “Nonostante le misure di contrasto adottate, i dati continuano a essere allarmanti: per le annate 2012, 2014 e 2016, un calo medio del 90% della produzione ha fatto dichiarare per tre volte lo stato di calamità naturale. E anche il calo previsto per il 2018 è destinato a superare il 90%", ha spiegato.

Aziende in ginocchio

"Le aziende del settore sono in ginocchio. E a questo si aggiunge, anche in relazione ai fenomeni meteorologici estremi e ai cambiamenti climatici, il danno ambientale e quello idrogeologico, visto che centinaia di ettari di castagneti vengono abbandonati”, ha aggiunto la deputata che si è detta però “fiduciosa per l'attenzione che il ministero sta riservando a questa problematica: dopo l'approvazione del Piano di settore castanicolo, partirà una programmazione a medio e lungo termine con investimenti mirati nella ricerca”. “Continueremo a stare accanto ai produttori e alle imprese dell'indotto per individuare, anche con il contributo del governo, le soluzioni più adeguate ad affrontare il problema", ha promesso Del Sesto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgriFoodToday è in caricamento