Accordo tra Ue e 21 Stati Wto per consentire gli scambi dell'agroalimentare nel lockdown

I Paesi, tra cui Cina e Stati Uniti, si impegnano a prendere misure “mirate, proporzionate, trasparenti, temporanee e coerenti” con le direttive dell'Organizzazione mondiale del commercio

Foto Ansa EPA/TYTUS ZMIJEWSKI

Con i paesi del mondo in lockdown per fermare la diffusione del coronavirus, gli scambi commerciali tra i paesi, nonché il movimento dei lavoratori stagionali, sono diventati molto difficili e uno dei settori più colpiti è quello agroalimentare.

L'accordo

Per questo l'Unione europea, insieme ad altri 21 Stati membri dell'Organizzazione mondiale del commercio (Wto) si è impegnata ad aprire il commercio di prodotti agricoli e alimentari durante l'attuale crisi sanitaria mondiale. I firmatari della dichiarazione congiunta promettono di garantire il buon funzionamento dell'agricoltura globale e delle catene di approvvigionamento agroalimentare ed evitare misure che abbiano un potenziale impatto negativo sulla sicurezza alimentare, l'alimentazione e la salute di altri membri dell'organizzazione e delle loro popolazioni. Nel testo dell'accordo viene indicato che “qualsiasi misura di emergenza relativa all'agricoltura e ai prodotti agroalimentari sarà mirata, proporzionata, trasparente, temporanea e coerente con le norme del Wto”. Le misure non dovrebbero falsare il commercio internazionale di questi prodotti o creare ostacoli commerciali ingiustificati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Chi ha aderito

I firmatari, oltre agli Stati Ue, sono Australia, Brasile, Canada, Cile, Colombia, Costa Rica, Hong Kong-Cina, Giappone, Repubblica di Corea, Malawi, Messico, Nuova Zelanda, Paraguay, Perù, Qatar , Singapore, Svizzera, il territorio doganale separato di Taiwan, Penghu, Kinmen e Matsu, Ucraina, Stati Uniti e Uruguay.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La catena di fast food più diffusa al mondo? Non è McDonald's

  • Merendine per i bambini? Due genitori su tre le acquistano anche per mangiarle loro

  • La pandemia stimola l'agricoltura 4.0: robot e droni per sostituire i braccianti

  • Il Covid-19 fa dimenticare l'altra grande pandemia mondiale: la peste suina

  • L'hamburger vegano della Nestlè non potrà più essere "Incredible"

  • Fondi Ue, ecco perché ora la Commissione vuole investire di più in sviluppo rurale

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento