Embrioni di bovini da carne impiantati nelle mucche da latte per ottimizzare la produzione

Una tecnica sperimentale afferma che così si eviterà di avere vitelli maschi ritenuti inutili dagli allevatori e per questo uccisi. Gli animalisti: "Pratica troppo invasiva che crea sofferenze"

Se le mucche, invece della fecondazione normale, venissero sottoposte a quella artificiale utilizzando embrioni di bovini destinati poi alla produzione di carne, questo dovrebbe ottimizzare il ciclo di produzione. Lo afferma uno studio pubblicato sulla rivista New Scientist, in cui si riportano gli esperimenti condotti dagli esperti di Select Sires, un'azienda del Minnesota. "Alcune specie di bovini sono più muscolose e più adatte al consumo delle loro carni, e, mentre le femmine delle specie da latte vengono utilizzate per la produzione della bevanda, i maschi delle stesse specie possono rappresentare un problema economico per gli allevatori", ha spiegato Chris Sigurdson di Select Sires.

Il team sta sperimentando una tecnica che si basa sulla fecondazione di embrioni di razze da carne da impiantare in esemplari da latte, così da ridurre i costi legati al settore. "Siamo ancora in una fase iniziale ma speriamo che diventi routine", commentano gli esperti dell'azienda. "Credo che questo metodo possa seriamente alterare la metrica della sostenibilità e contribuire a raggiungere gli obiettivi alimentari più in fretta", ha affermato Alison Van Eenennaam dell'Università della California a Davis. Per mantenere attiva la produzione di latte, le mucche devono partorire vitelli, ma i vitelli da latte di sesso maschile, che non possono essere destinati al consumo alimentare per via delle proprietà delle loro carni, vengono spesso uccisi dopo la nascita per limitare i costi di allevamento, nonostante gli sforzi volti a porre fine a questa pratica. La soluzione messa a punto dagli esperti di Select Sires afferma di poter compensare i costi elevati per il mantenimento dei cuccioli e dell'impianto embrionale.

"Circa il 10 per cento di tutte le emissioni di gas serra è attribuito all'allevamento e al trasporto di bovini e avere una mucca che produce latte e un vitello di razza mista (embrione maschile di razza da carne impiantato in un esemplare da latte), è più conveniente rispetto a nutrire tre bovini di specie diverse”, ha continuato al ricercatrice. Gli scienziati sostengono poi che la procedura potrebbe anche contribuire a ridurre le emissioni di gas serra, in quanto “le mucche da latte inoltre producono meno metano, perché vengono nutrite con alimenti più ricchi e più sani", ha dichiarato ancora Van Eenennaam.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma gli animalisti attaccano la proposta. Gli esponenti di Compassion in World Farming, un'organizzazione internazionale senza scopo di lucro per il benessere e la protezione degli animali da allevamento, si dichiarano contrari alla procedura proposta da Select Sires. "L'organizzazione afferma di essere favorevole all'uso di seme sessuato perché migliora il benessere dei capi di bestiame ma l'impianto di embrioni è una procedura più invasiva dell'inseminazione e le dimensioni maggiori dei vitelli da carne potrebbero aumentare il rischio che le mucche abbiano difficoltà durante il parto", ha denunciato Phil Brooke di Compassion in World Farming.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lo strano caso della strage delle foche in Namibia, sulla costa spiaggiati 5mila feti morti

  • "La caccia al cinghiale favorisce la pesta suina", animalisti contro il piano del governo

  • Carbonara regina anche dei delivery, è la pasta più ordinata nelle consegne a domicilio

  • Un milione di persone si impegnano a partecipare al 'gennaio vegano' di Phoenix e McCartney

  • Gli hamburger vegani o di finta carne potranno chiamarsi hamburger: Parlamento Ue boccia tutte le restrizioni

  • Cannabis, Parlamento Ue innalza limite legale di Thc. Festeggia il comparto della canapa industriale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgriFoodToday è in caricamento