menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto Ansa EPA/ALEX HOFFORD

foto Ansa EPA/ALEX HOFFORD

Le importazioni in Russia di agroalimentare italiano cresciute del 18 per cento

Il dato si riferisce al primo semestre dell’anno. A trainare il settore il comparto del vino, quello che ha fatto registrare l’impennata maggiore

Aumentano le importazioni dal settore agroalimentare italiano verso la Russia: nel primo semestre di quest’anno sono cresciute del 18,3 per cento nonostante le misure restrittive volute da Mosca in risposta alle sanzioni europee per l’annessione della Crimea. E' quanto emerso dalla presentazione del cluster italiano alla fiera "WorldFood" di Mosca, a cui sono stati presenti l'ambasciatore italiano nel Paese, Pasquale Terracciano, e il direttore dell'Agenzia Ice competente, Pier Paolo Celeste.

"Nei primi sei mesi il comparto agroalimentare e del vino e' stato quello che e' cresciuto di piu'. Tutti i prodotti importati dalla Russia in questi sei mesi nel comparto sono cresciuti del 18,3 per cento", ha dichiarato Celeste. Da parte sua l'ambasciatore ha detto di sperare di poter celebrare il prossimo anno “ulteriori quote di mercato che avremo conquistato”, ricordando che il made in Italy costituisce tuttora un fattore di traino della nostra economia, segnatamente nel settore.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgriFoodToday è in caricamento