Peste suina, la Fao lancia l'allarme: potrebbe dilagare dalla Cina al resto dell'Asia

È stata individuata in zone distanti centinaia di chilometri, segno che potrebbe presto varcare anche i confini del Paese

ANSA/ CIRO FUSCO

La peste suina africana si sta diffondendo rapidamente in Cina arrivando ad essere individuata anche in aree distanti oltre mille chilometri all'interno del Paese. Questo potrebbe voler dire che questo virus mortale può diffondersi anche in altri Paesi asiatici a breve. È l'avvertimento lanciato dall'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura, la Fao.

Non esiste un vaccino efficace per proteggere i suini dalla malattia. E, mentre la malattia non rappresenta una minaccia diretta per la salute umana, le epidemie possono essere devastanti per i suini, poiché le forme più virulente sono letali per il 100 per cento degli animali infetti. Negli sforzi per controllare la diffusione della malattia, le autorità cinesi hanno finora dovuto abbattere più di 24mila capi in quattro province. La Cina è uno dei principali paesi produttori di carne suina, con circa la metà della popolazione mondiale di suini, stimata in circa 500 milioni.

La sua catena di valore coinvolge un gran numero e una vasta gamma di produttori, dalle piccole aziende familiari agli operatori commerciali su larga scala. Anche se questa non è la prima volta che la febbre suina africana viene rilevata al di fuori dell'Africa, focolai in Europa e nelle Americhe risalgono agli anni '60, la sua individuazione ed eterogenea diffusione geografica dei focolai in Cina hanno sollevato timori che la malattia possa attraversare i confini con i paesi limitrofi del sud-est asiatico o della penisola coreana, dove anche il commercio e il consumo di prodotti a base di carne suina è elevato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il virus ASF è molto resistente e può sopravvivere per lunghi periodi in climi molto freddi e molto caldi, e persino nei prodotti a base di carne di maiale essiccati o stagionati. Il ceppo rilevato in Cina è simile a quello che ha colpito i maiali nella Russia orientale nel 2017 ma, fino ad ora, e mentre continuano le indagini, il Centro cinese per la salute e l'epidemiologia degli animali non ha trovato prove conclusive sull'origine o i collegamenti di quest'ultima epidemia. "Il trasporto di prodotti a base di carne di maiale può diffondere rapidamente le malattie e, come in questo caso di peste Suina africana, è probabile che la circolazione di tali prodotti, piuttosto che i maiali vivi, abbia causato la diffusione del virus in altre parti della Cina", ha affermato Juan Lubroth, capo del servizio veterinario della Fao.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "I vostri pescatori in cambio dei nostri scafisti", si complica il caso dei pescherecci sequestrati in Libia

  • La misteriosa malattia che sta uccidendo i kiwi italiani

  • È mandorle mania, da 5 anni in Europa l'ingrediente più usato nei nuovi prodotti alimentari

  • "Vietati in patria, ma venduti all'estero: Italia leader Ue per export di pesticidi tossici"

  • "Carne contaminata venduta sul mercato", l'allarme degli ispettori sanitari europei

  • Londra vieta i gruppi di più di sei persone, ma non se si va a caccia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgriFoodToday è in caricamento